menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Amelia e la grande guerra. Storia e storie di un territorio”

Domenica alla pinacoteca la presentazione del libro curato da Mara Quadraccia, Carla Pernazza e Fabrizio Conocchia

Sarà presentato domenica alle 15 alla pinacoteca del museo archeologico il libro “Amelia e la grande guerra. Storia e storie di un territorio”, curato da Mara Quadraccia, ex docente di lingua e civiltà inglese e presidente Unitre di Amelia, Carla Pernazza, docente di italiano e storia, e, per una sezione, da Fabrizio Conocchia.  L’iniziativa è stata organizzata dall’Università della Terza Età e dall’Istituto omnicomprensivo di Amelia-Narni per ricordare i tragici eventi e le ripercussioni che il primo conflitto mondiale produssero sulla comunità amerina.

Saranno presenti, oltre alle curatrici del libro, i rappresentanti delle amministrazioni locali, Edoardo D’Angelo, docente dell’Università degli Studi di Napoli e direttore dei corsi Unitre, che coordinerà gli interventi, Graziella Cacafave, dirigente dell’istituto omnicomprensivo Amelia-Narni, gli editori Isabella Gambini e Claudio Lattanzi ed Angelo Bitti, ricercatore dell’Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea. La presentazione sarà accompagnata dalla lettura di brani da parte degli ex allievi che hanno partecipato al progetto e dalla proiezione di un video realizzato dagli studenti con intermezzi musicali a cura di Pierpaolo Ciuchi.

La ricerca d’archivio condotta dalle due autrici fa riemergere di fronte agli occhi dei lettori nomi, luoghi, eventi, famiglie, affetti, dolori, violenze, coraggio, solidarietà, odi, di una comunità all’epoca essenzialmente contadina, con i nuclei abitativi del centro storico e delle frazioni.

Particolare rilievo rivestono i capitoli relativi al fenomeno dei profughi e al problema della loro accoglienza e poi quello dei reduci, con lo spinoso caso dei prigionieri di guerra, una sorta di onta da nascondere, anziché un’esperienza da condividere. Il testo che si rivolge in particolare ai più giovani con l’invito a conoscere e a non dimenticare anni di morte e distruzione che segnarono i destini di tante nazioni e di milioni di persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento