Provincia TerniToday

Centrale Biometano: “La salute dei cittadini prioritaria, la Regione si assuma le proprie responsabilità”

Il consigliere comunale di Progetto Stroncone Luigi Dionisi: “Non crediamo più alle favole, non vogliamo che altri venditori di buon vino poi alla fine ci lascino solo aceto, scappando con l’incasso”

Stroncone

Riceviamo e pubblichiamo una nota del consigliere comunale di Progetto Stroncone Luigi Dionisi

“Una settimana fa si è riunito il consiglio comunale straordinario, con l’unico punto all’ordine del giorno relativo alla “contrarietà del comune di Stroncone e della cittadinanza tutta, alla realizzazione della centrale di biometano a Vascigliano”. Quando proposi al Sindaco Malvetani di riunire questo Consiglio comunale, l’intento era quello di coinvolgere, con un documento proprio, i membri della Giunta regionale e nello specifico la Presidente Tesei, l’unica che può, in questa fase amministrativa dell’iter di approvazione del progetto, sostenere politicamente le volontà di questa collettività affinché siano adottate tutte le necessarie cautele e gli approfondimenti, sull’impatto che quella centrale a biometano potrà avere su un territorio già fortemente penalizzato come Vascigliano e di conseguenza su tutto il tessuto socio-economico del territorio.

L’esperienza che abbiamo già vissuto - afferma Dionisi - ci ha resi consapevoli del fatto che, spesso, le valutazioni risultano troppo epidermiche, non vengono approfonditi tutti gli aspetti di un progetto, specialmente quelli che riguardano luoghi e modi di approvvigionamento del combustibile, le manutenzioni post attivazione ed i controlli di funzionamento dell’impianto, poiché le statistiche dimostrano che  i problemi sorgono nel tempo, quando gli impianti iniziano a perdere le caratteristiche di sicurezza e i proprietari non investono il giusto per manutenere i filtri o le strutture nelle buone condizioni previste dalle norme. Ed è allora che iniziano i rischi che spesso si tramutano in tragedie ambientali, i cui costi ricadono solo sui cittadini e sul territorio in termini di danni morali, fisici ed economici.

Per evitare ciò, l’azione amministrativa deve essere impostata avendo come priorità la tutela dei cittadini e dell’ambiente, per tutto il ciclo produttivo dell’azienda, valutando l’impegno economico e morale che la proprietà intende investire su quel progetto per ogni anno di funzionamento, garantendo il diritto inviolabile del cittadino ad un ambiente salubre e sicuro. Quello che noi chiediamo - sottolinea il consigliere - è che questa non sia l’ennesima opera ideata per beneficiare di generosi incentivi statali previsti per le “fonti rinnovabili”, per poi trasformarsi nell’ennesimo impianto di trattamento di rifiuti. Infatti, la frazione organica dei rifiuti solidi urbani (Forsu) è equiparata alle biomasse con decreto ministeriale, facile prevedere che una volta costruita questa centrale, invece di essere alimentate con biomasse agricole, di cui l’Italia non dispone e che hanno un costo sempre maggiore, possa essere alimentata con Forsu, il cui costo di smaltimento è già una prima fonte di redditività.

Se così fosse i cittadini pagherebbero più volte questo impianto: con i soldi per gli incentivi, con le tasse per lo smaltimento dei rifiuti e forse con la salute! E chi può essere il garante dei cittadini se non la politica. Ma il comune di Stroncone - dichiara Luigi Dionisi - da solo non ha forza sufficiente per affrontare questa battaglia, per questo è indispensabile che anche la Regione si assuma le proprie responsabilità politiche, impegnandosi a portare avanti la richiesta che il consiglio comunale ha votato all’unanimità, ponendola nelle mani del sindaco affinché ne sia portavoce presso la Presidente Tesei. Non crediamo più alle favole, non vogliamo che altri venditori di buon vino poi alla fine ci lascino solo aceto, scappando con l’incasso. Ciò che chiediamo è la normalità, ossia che la politica si faccia garante degli interessi dei suoi cittadini, evitando che l’interesse economico venga anteposto ai sacrosanti diritti ad una vita normale, tranquilla in un ambiente salubre: non chiediamo mica la luna!”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Ospedale di Terni, ulteriore stretta sugli accessi: i provvedimenti attuati per limitare la diffusione del Coronavirus

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento