rotate-mobile
Provincia Terni Stroncone

Centrale a biometano a Vascigliano. Malvetani: “Abbiamo fatto la nostra parte, non ci resta che attendere”

Il sindaco di Stroncone annuncia le novità: “In questi giorni la Regione si trova a dover decidere se tale progetto dovrà o meno essere sottoposto alla valutazione ambientale strategica”

Emergono ulteriori novità sulla controversa e dibattuta vicenda, legata alla costruzione della centrale a biometano in zona Vascigliano. Le annuncia il primo cittadino di Stroncone Giuseppe Malvetani sui propri canali social, rivolgendosi alla comunità stronconese.

“Nei giorni scorsi – esordisce Giuseppe Malvetani - ho avuto modo di incontrarmi dapprima con il direttore generale dell’Arpa Umbria e, successivamente, con l’assessore regionale Roberto Morroni, alla presenza della struttura tecnica della Regione, ai quali ho rappresentato nuovamente tutte le criticità, dal punto di vista del comune, che l’eventuale realizzazione della centrale a biometano comporterebbe.

In questi giorni – afferma il sindaco - la Regione si trova a dover decidere se tale progetto dovrà o meno essere sottoposto alla valutazione ambientale strategica. La procedura di VAS consentirebbe un maggior coinvolgimento del territorio, dei comitati e cittadini. Un molto maggiore approfondimento di tutti quegli aspetti rimasti ancora poco chiari nonostante le numerose conferenze di servizi.

Ho ribadito tutti i motivi per i quali riteniamo ciò debba accadere. Sia l’Arpa che la Regione ci hanno ascoltato con attenzione e di questo li ringraziamo. Ora non ci resta che attendere qualche giorno. Andare a VAS sarebbe un primo importante risultato per il comune e per tutta la popolazione. La nostra parte l’abbiamo fatta – conclude - con il massimo dell’impegno possibile. Attendiamo la decisione con un cauto ottimismo”

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrale a biometano a Vascigliano. Malvetani: “Abbiamo fatto la nostra parte, non ci resta che attendere”

TerniToday è in caricamento