Provincia Terni Amelia

Piscina di Amelia, si fa avanti un gestore: ecco tutti i dettagli su tariffe, assunzioni e servizi

La bozza di accordo tra Palazzo Matteotti e una società privata: l’impianto di Paticchi sarà dato in concessione per trent’anni. Previsti corsi di nuovo, fitness e agonistica oltre ad un bar e attività commerciali

Sembra intravedersi una luce in fondo ad un tunnel lungo decenni: Amelia potrebbe riavere una piscina. C’è infatti una bozza di convenzione per il “completamento e la gestione dell’impianto natatorio comunale di Paticchi”. La proposta porta la firma del “costituendo raggruppamento temporaneo di imprese” composto da Ssd nuoto Academy Amelia e Papa costruzioni srl. Si tratta di un documento di 43 pagine in cui sono contenuti dettagli relativi a “gestione, utilizzo, custodia e conservazione dell’impianto” che vincola il rapporto tra società privata e amministrazione comunale per i prossimi 30 anni.

Il “sogno bagnato” di Amelia potrebbe insomma diventare realtà entro l’inizio della prossima estate, restituendo alla città una struttura sportiva efficiente e all’amministrazione comunale uscente un punto a favore in vista della prossima campagna elettorale 2021.

Ecco dunque alcuni dettagli della bozza di convenzione in base alla quale “il centro natatorio sarà aperto tutto l’anno nei giorni feriali con chiusura domenicale ad eccezione delle giornate dedicate alle manifestazioni agonistiche. Per il periodo estivo risulterà altresì indispensabile la chiusura dell’impianto per un periodo di almeno quindici giorni”. Chiusura che si prospetta cadere nel mese di agosto e, in particolare, tra il 5 ed il 20.

Per quanto riguarda il periodo invernale (15 settembre-15 giugno), si prevede l’apertura alle 9 del mattino e la chiusura alle 22. IN questo lasso di tempo, saranno offerti corsi di nuoto, nuoto libero, fitness, allenamenti. Per il periodo estivo (15 giugno-15 settembre), l’apertura sarà alle 9 e la chiusura alle 21 con centri estivi per bambini, scuola nuoto, nuoto libero, fitness, allenamenti.

Le tariffe variano in base alle attività e alla durata delle stesse. Un corso di nuoto della durata di un’ora per due lezioni a settimana potrebbe costare circa 85 euro, un ingresso per l’acquafitness 13 euro, un ingresso per il nuoto libero 8 euro, 10 ingressi per le attività dedicate alle gestanti 100 euro.

Per quanto riguarda il “piano delle risorse umane”, si prevede la necessità “almeno delle seguenti figure”: un responsabile della piscina, un responsabile degli impianti tecnologici, assistenti bagnanti “in numero adeguato all’affollamento e alla tipologia di utenza” oltre al personale per l’attività didattica come istruttori, direttori tecnici, personale di reception e addetti alle pulizie.

Prevista la presenza all’interno della struttura anche di un punto bar/ristoro oltre alla possibilità per il concessionario di “implementare nel complesso attività commerciali, purché pertinenti con la destinazione sportiva dell'impianto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina di Amelia, si fa avanti un gestore: ecco tutti i dettagli su tariffe, assunzioni e servizi

TerniToday è in caricamento