Provincia TerniToday

Punto di primo intervento di Amelia, non solo codici bianchi. La rettifica del commissario straordinario dell'Asl 2, Massimo De Fino

Il commissario De Fino spiega i motivi sulla presunta esclusività di trattamento dei codici bianchi al prontro soccorso di Amelia: "La direttiva conteneva un equivoco. Il punto di primo intervento di Amelia tratterà anche i codici verdi".

Solo un refuso nella stesura della direttiva dirigenziale, scritta in grande fretta e modificata opportunamente per fare chiarezza. Questa è la motivazione ufficiale del commissario straordinario dell'Asl 2, Massimo De Fino, che giustifica l'ondata di polemica generata dal precedente atto che sanciva l'esclusività di trattamento in codice bianco da parte dei sanitari del punto di primo intervento di Amelia. Una dicitura che ha generato un sollevamento di scudi da parte di molti cittadini che lamentavano, inoltre, il pagamento del ticket per la prestazione in codice bianco. 

"Vorrei chiarire - afferma De Fino - e l'ho fatto tramite un nuovo atto ufficiale, che le prestazioni erogate dal pronto soccorso di Amelia sono in codice bianco e verde. Purtroppo, nel precedente documento c'era stato un refuso di scrittura".

I codici bianchi a pagamento

L'altra polemica che ha acceso gli animi di molti amerini riguarda il pagamento della prestazione in codice bianco: "La prestazione in codice bianco - osserva De Fino - si paga con ticket da 25,00 euro, salvo esenzione, in tutta Italia. Se non viene pagato, si genera un danno erariale.

Se un paziente - prosegue De Fino - va in ospedale, viene visitato e accertato che non ha nessun tipo di patologia con conseguente dimissione, quella prestazione sanitaria va pagata perché, per lo Stato, risulta essere una visita ambulatoriale. Se poi, nel tempo, nei nostri nosocomi di Amelia e Narni si usava traformare i codici bianchi in codici verdi, questo non mi è dato da sapere.

Proprio per questo - precisa il commissario - straordinario - ho voluto definire ulteriormente nel documento dirigenziale le specificità dei quattro codici previsti dal triage. Per essere chiari: se una persona arriva in pronto soccorso e accusa un mal di pancia, e dopo i dovuti accertamenti, senza aver subito interventi di nessun tipo, viene dimessa, quella è una prestazione ambulatoriale ed è soggetta a ticket. I codici verdi, invece, riguardano fratture, micro fratture e tutti quegli interventi di bassa gravità per i quali è necessaria un'operatività differente". 

C'è ancora attesa per le ambulanze

De Fino fa il punto della situazione anche sull'organizzazione dei trasporti che metteranno in connessione i punti di primo soccorso di Amelia, Narni con l'ospedale di Terni: "Purtroppo siamo ancora in attesa della messa in strada delle nuove ambulanze che, non appena saranno disponibili, verranno inserite, come da progetto, nel sistema di intervento territoriale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento