Provincia TerniToday

Sindaco in gabbia, continua la protesta di Rachele Taccalozzi a difesa dei cani

La Usl ha approvato l’istanza di dissequestro degli animali ma il primo cittadino dichiara: “E’ il sistema che va cambiato”

foto tratta da facebook

E’ stato un tira e molla a tratti surreale quello che, negli ultimi giorni, ha visto protagonisti quattro cani, il WWF, il Sindaco del Comune di Montefranco e la USL Umbria 2, oltre a due strutture dove gli animali erano ospitati. E nonostante l’azienda sanitaria abbia, nella giornata di ieri, dissequestrato la pensione e di fatto lasciato “liberi” i cani, il sindaco di Montefranco, Rachele Taccalozzi, non ci sta, e ha deciso di continuare anche nella giornata di oggi la protesta che la vede “chiusa” nei box dove sono ospitati i cani in attesa di adozione.

Andando con ordine, la vicenda inizia martedì 7 marzo, quando il sindaco, accompagnata dalla responsabile del randagismo per il WWF, decide di andare presso la struttura di San Gemini a cui fa riferimento il Comune di Montefranco per far adottare proprio all’associazione animalista 4 cani, in canile da circa 10 anni. “Appena arrivate – ricorda il sindaco – si è avviato un vero e proprio parapiglia, con l’intervento di Carabinieri, Forestale e, infine, della USL. Dopo vari controlli e la verifica della regolarità della documentazione, in serata siamo riusciti a far uscire i cani, per portarli in una pensione di Pentima, a cui si appoggia il WWF in attesa delle adozioni”.

Da quel momento, la situazione ha iniziato a complicarsi ancora di più: “Dalla USL sono iniziati una serie di controlli, ben quattro, in diverse giornate e diversi orari, che hanno portato al sequestro amministrativo della struttura – sottolinea ancora il sindaco - A quel punto il WWF avrebbe voluto far uscire i cani, ma dalla USL hanno comunicato la necessità di ottenere una autorizzazione”. In tutto ciò, è stato coinvolto anche il Comune di Terni, a cui è stato notificato il sequestro della struttura. “La situazione è assurda – continua Rachele Taccalozzi – e ci sembra proprio che sia stato effettuato un sopruso nei confronti non solo del Comune, ma nei confronti dei cani e di chi vuole favorirne l’adozione, con procedure a tratti pretestuose, volte solo a rendere impossibili le adozioni, anche di fronte alla regolarità delle procedure. Per questo ho deciso di protestare chiudendomi nel box con i cani, fino a far valere le nostre ragioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di fronte all’incalzare degli eventi, la USL ha riunito una nuova commissione, ieri pomeriggio, che ha autorizzato il dissequestro della struttura di Pentima: “Ora le pratiche per le adozioni potranno essere portate avanti – dice ancora la Taccalozzi – ma ho deciso di continuare a protestare anche oggi pomeriggio: è il sistema che va cambiato, dobbiamo fare in maniera tale che se il Comune si impegna, insieme ad associazioni che ne hanno il titolo, a favorire l’adozione dei cani, non si verifichino situazioni surreali come questa che abbiamo vissuto. Come Comune abbiamo ancora 7 cani a cui pensare, a cui trovare una famiglia, ma non vogliamo, ogni volta, ad affrontare una guerra, partendo dal presupposto che tutte le nostre azioni sono caratterizzate da regolarità e trasparenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento