Rifiuti e inceneritore, il Comune di Terni dice “no” ad Acea

Parere negativo di Palazzo Spada rispetto alla richiesta dell’azienda di bruciare 30mila tonnellate di immondizia nell’impianto di Maratta

Parere negativo del Comune di Terni rispetto alla richiesta di Acea di bruciare 30mila tonnellate di rifiuti (provenienti anche da fuori regione e dalla Capitale) nell’inceneritore di Maratta.

Questo il senso della conferenza stampa in cui il sindaco di Terni, Leonardo latini, e l’assessore comunale all’ambiente, Benedetta Salvati, stanno illustrando i dettagli del documento redatto dai tecnici di Palazzo Spada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ferma la posizione espressa da Latini e Salvati che hanno ripercorso la storia recente del piano regionale dei rifiuti, elaborato nel 2009 e aggiornato nel 2015, senza modificare il fatto che “ad oggi in Umbria il ciclo dei rifiuti si chiude in discarica”. Un piano che è dunque “datato e superato” e che va rivisto anche alla luce della “situazione critica ambientale della conca ternana”, rispetto alla quale il Comune ha il dovere di “ridurre i fattori di rischio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da queste premesso il “parere negativo ad Acea” che ha “presupposti tecnici e politici” e che pone come principio la necessità di non “aggrava” la situazione ternana con “ulteriori criticità ambientali”. “Spetta a noi dire che altri impianti inquinanti non li vogliamo. Come comune abbiamo il dovere di ridurre questi fattori di rischio”.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ternana-Avellino 0-0, rossoverdi al secondo turno preliminare dei Play Off

  • Incidente stradale, scontro frontale tra due auto: due fratelli perdono la vita

  • Chiude storica attività del centro cittadino a Terni: un altro piccolo pezzo della città ‘romantica’

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi nel ternano: “Previsti ulteriori tamponi oltre il nucleo familiare coinvolto”

  • Più soldi in busta paga per 48mila lavoratori ternani: ecco a chi spetta il bonus a partire dal primo luglio

  • Terni, marito e moglie positivi al Covid: scatta l’isolamento, ricostruita la possibile catena dei contagi

Torna su
TerniToday è in caricamento