Guanti e mascherine usati: dove si buttano?

Evitiamo l'inquinamento e l'inciviltà buttando per terra i guanti e le mascherine che non ci servono più: vanno smaltiti correttamente per non sporcare le nostre città ed evitare il rischio di contaminazione

Se è vero che con grazie al lock down che ci ha tenuto per due mesi in casa le nostre città si sono ripulite dall'inquinamento, specialmente con le auto ferme, è pur vero che in giro per strada è sempre più facile vedere rifiuti come guanti e mascherine chirurgiche usati e abbandonati al suolo, specie fuori da luoghi come i supermercati. Questa pratica è davvero incivile e va scoraggiata in ogni modo. Ancor più perché questi dispositivi di protezione dal contagio che dobbiamo indossare per la nostra e per l’altrui sicurezza, possono essere infetti.

Al momento le recenti disposizioni normative in materia di contenimento dell’emergenza COVID-19 non esplicitano in che modo vadano gestiti i cosiddetti DPI (ovvero mascherine e guanti) utilizzati attualmente in luoghi di lavoro, diversi dalle strutture sanitarie o simili e comunque dove non siano stati riscontrati casi di persone affette dalla malattia.

La circolare del Ministero della Salute n. 5443 del 22/02/2020 specifica che: “dopo l’uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto” anche quando non sono stati utilizzati per finalità sanitarie ma esclusivamente di pulizia dei locali non sanitari potenzialmente contaminati. Ma anche in questo caso ci si riferisce a locali dove hanno soggiornato persone affette da Coronavirus.

L’Istituto Superiore di Sanità, nella pubblicazione “Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus sars-cov-2”, aggiornata al 14 marzo 2020, precisa che:

"Per le abitazioni in cui non sono presenti soggetti positivi al tampone, in isolamento o in quarantena obbligatoria, si raccomanda di mantenere le procedure in vigore nel territorio di appartenenza, non interrompendo la raccolta differenziata”.

La nota prosegue precisando che In ogni caso, fazzoletti o simili, mascherine e guanti eventualmente utilizzati, dovranno essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati. Per gettarli però dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti da inserire l’uno dentro l’altro. I sacchetti vanno poi chiusi adeguatamente, utilizzando guanti monouso, senza comprimerli, utilizzando legacci o nastro adesivo vanno poi smaltiti nell’indifferenzata con le procedure già utilizzate al momento (bidone apposito esterno al locale).

Se in questo momento in cui il Covid -19 è ancora molto minaccioso si volesse andare più sul sicuro con lo smaltimento, si potrebbero adottare le modalità utilizzate per i “rifiuti speciali, prodotti al di fuori delle strutture sanitarie, che come rischio risultano analoghi ai rifiuti pericolosi a rischio infettivo” disciplinati dal D.P.R. 254/2003. Questa tipologia di rifiuti, alla quale deve essere attribuito il codice CER/EER 18.01.03, è definita dall’articolo 2, comma 1, lettera g) come:

«i rifiuti speciali, di cui al decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 [oggi D.Lgs. 152/2006], prodotti al di fuori delle strutture sanitarie, con le caratteristiche di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d), quali ad esempio quelli prodotti presso laboratori di analisi microbiologiche di alimenti, di acque, o di cosmetici, presso industrie di emoderivati, istituti estetici e similari. Sono esclusi gli assorbenti igienici»

Il decreto sopra citato è estremamente dettagliato nel descrivere lo smaltimento di questo tipo di rifiuti speciali; al semplice cittadino non resta altro da fare che avere il buon senso (e l’educazione) di eliminare i guanti sfilandoli nella maniera più sicura, rimuovere la mascherina senza toccare il volto, gettarli nella raccolta indifferenziata, dopo averli inseriti in una busta chiusa e poi lavarsi con grande cura le mani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzi morti, c’è un sospetto: ternano in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Il silenzio e poi le urla di dolore: Terni sotto shock per la morte di due ragazzini, indagini a tutto campo

  • Cronaca di Terni, tragica scomparsa di due adolescenti. Le reazioni: “Sgomento e dolore. Giornata di lutto cittadino”

  • Cronaca di Terni, trovati morti due adolescenti di 15 e 16 anni

  • Flavio e Gianluca, adesso la parola passa alla scienza: quattro ore di autopsia per spiegare la tragedia

  • Flavio e Gianluca, basta lacrime ipocrite: non serve il lutto cittadino, bisogna vietare l’ingresso agli spacciatori

Torna su
TerniToday è in caricamento