Bastoncini per le orecchie, ecco perché dovremmo smettere di usarli

Non sono mai stati pubblicizzati per l'igiene dell'orecchio, anzi, il loro utilizzo è molto pericoloso per il sistema uditivo, ecco perché

La stragrande maggioranza delle persone Ili utilizza per la propria routine igienica quotidiana, ma certo ignorando che non sono così sicuri: parliam dei cotton fioc, i bastoncini cotonati che servono per la pulizia delle orecchie. 

Secondo un articolo del Washington Post scritto da Robert A. Ferdman, questi piccoli oggetti sono stati definiti addirittura i prodotti “più controversi dell’Occidente”. In effetti c’è stata anni fa anche una grossa polemica sul fatto che non fossero nemmeno biodegradabili, perché fatti per la maggior parte in plastica.

L'inventore dei cotto fioc

L'ideatore dei cotton fioc fu lo statunitense di origini polacche Leo Gerstenzang nel 1923. Osservando la moglie che fissava un fiocco di cotone sulla punta di uno stuzzicadenti per applicare in maniera più facile e delicata dei prodotti sulla pelle del figlio, Gerstenzang commercializzò l'idea per vari usi domestici. In realtà non sono mai stati indicati come prodotti per la pulizia delle orecchie.

Perchè non smettiamo di usarli

Il primo motivo per cui i cotton fioc sono da evitare per la pulizia dell'orecchio è perché introducono in esso batteri e che possono rimanere all’interno dello stesso. Eppure in molti continuano a usarli per questo scopo. Come mai?

Le orecchie sono disseminate di terminazioni nervose che inviano segnali alle altri parti del corpo: quando le sollecitiamo delicatamente con il bastoncino, si innesca una piacevole sensazione. Questo tipo di utilizzo però crea una sorta di “assuefazione” alla bella sensazione e continueremo a usarli sempre di più: ne diventiamo dipendenti!

Possibili danni al condotto uditivo

Usando male i cotton fioc si può provocare anche la perforazione del timpano, specialmente tra i piccoli e i giovani. Il timpano è una membrana delicatissima che funzionaattraverso un minuzioso meccanismo perfetto, trasmettendo i suoni dall’orecchio esterno alle piccolissime ossa all’interno dell’orecchio. Mentre noi cerchiamo di pulire l'orecchio ed eliminare il cerume con il cotton fioc, rischiamo di fare danni al condotto uditivo.

E’ bene sapere in realtà che l’orecchio è un organo auto-pulente: infatti la pelle morta del condotto uditivo e il cerume si spostano gradualmente verso l’esterno grazie alla presenza di piccole ciglia, ecco perché non è necessario utilizzare i cotton fioc.

Consigli

Per la pulizia delle orecchie in sicurezza, il consiglio degli otorinolaringoiatri è quello di servirsi di un asciugamano di cotone morbido da strofinare delicatamente nella parte più esterna del padiglione auricolare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento