rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Blog

Da King Kong a ET, dieci anni senza Carlo Rambaldi: “Serve il giusto ricordo”

Il gruppo della Lega Terni esorta l’amministrazione a iniziative in memoria del re degli effetti speciali vincitore di tre Premi Oscar

Gruppo Lega Terni 

Un genio degli effetti speciali. Un maestro della creatività. Un grande artista che ha legato il suo nome ad alcuni dei momenti più alti ed intensi della storia del cinema mondiale. Questo è stato Carlo Rambaldi, vincitore di ben tre Premi Oscar per gli effetti speciali, il primo per “King Kong” nel 1976, il secondo nel 1979 per “Alien” ed il terzo nel 1982 per “E.T. – L’extra – terrestre”, scomparso il 10 Agosto del 2012 e del quale quest’anno ricorre quindi il decennale della scomparsa. Rambaldi, che con le sue creazioni ha dato corpo e forma ai sogni ed agli incubi dei più grandi registi del cinema mondiale, da Dario Argento a Steven Spielberg, è stato anche il simbolo di un cinema che non c’è più, quello degli effetti speciali costruiti grazie alla meccatronica, cioè alla combinazione tra elettronica e meccanica, prima che gli effetti speciali diventassero visuali e venissero costruiti a tavolino dai computer, ma il suo è anche un cinema immortale, che continuerà a vivere per sempre nella fantasia e nella sensibilità degli spettatori con la proiezione delle sue pellicole che oltrepassano il tempo e lo spazio per diventare un patrimonio universale della umanità. Rambaldi aveva scelto Terni, come sede della sua “Accademia degli effetti speciali” quando si coltivava l’illusione di poter fare del nostro Videocentro il cuore pulsante dell’economia del futuro, l’Acciaieria delle idee come qualcuno diceva, ed il mantra in città era rappresentato dallo slogan “dalla immagine della fabbrica alla fabbrica dell’immagine”. 

Di più, Rambaldi voleva donare alla città di Terni i modelli delle sue creazioni, da E.T a King Kong, quegli stessi modelli che vengono esposti ora in Mostre che richiamano turisti da tutto il mondo, per realizzare nella zona di Maratta un parco in cui dare vita visivamente alla Storia dell’umanità dai dinosauri ai giorni nostri. Un progetto che purtroppo non ha trovato realizzazione, un treno che è passato senza che nessuno riuscisse a salirvi, lasciando a terra le speranze di un'intera città, in un flop a proposito del quale nessuno può dirsi innocente. Ecco perché il “Gruppo della Lega Terni” auspica che in occasione del decennale del “papà di E.T.”, di una eccellenza mondiale che era sinceramente innamorato della nostra città, l’Amministrazione comunale sappia ricordare degnamente Rambaldi con iniziative adeguate che siano all’altezza dello spessore artistico e culturale del personaggio. Per non dimenticare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da King Kong a ET, dieci anni senza Carlo Rambaldi: “Serve il giusto ricordo”

TerniToday è in caricamento