Domenica, 21 Luglio 2024
Blog

“Palaterni nato grazie alla tenacia del centrosinistra, nel centrodestra c’era chi lo avrebbe voluto altrove”

L’intervento di Francesco Filipponi, capogruppo del Pd in consiglio comunale: “Prevista anche la realizzazione del nuovo mattatoio in un luogo diverso e il ritorno del mercatino settimanale, che negli anni di amministrazione del centrodestra non hanno avuto seguito”

Finalmente anche la nostra città ha un palazzetto dello sport, al termine della realizzazione di un progetto ecosostenibile, in seguito a una realizzabilità tecnica e finanziaria verificata. La volontà di realizzazione del palasport, poi successivamente rinominato Palaterni, nasce fin dall’anno 2014 con l’approvazione di un primo atto di indirizzo con delibera 117 della giunta comunale di centrosinistra. Nell’anno 2016 nel mese di febbraio con delibera di giunta 22 viene approvato lo studio di fattibilità, poi a giugno dello stesso anno con delibera 126 il progetto preliminare e, circa due mesi dopo, con la delibera 288 il consiglio comunale adotta la necessaria variante urbanistica. La successiva approvazione della variante urbanistica avviene il 7 novembre del 2016 con delibera di consiglio 382. Ancora con delibera 13 del 2017 viene approvato il progetto, in seguito alle varianti, con un quadro economico di oltre 15 milioni di euro e a questo passaggio fa seguito la pubblicazione del bando di gara per la progettazione esecutiva, la realizzazione e la gestione e la presa d’atto nel settembre 2017 dei lavori della commissione aggiudicatrice.

L’amministrazione di centrosinistra aveva anche previsto la realizzazione del nuovo mattatoio in un luogo diverso e il ritorno del mercatino settimanale, che negli anni di amministrazione del centrodestra non hanno avuto seguito. La difficile aggiudicazione della gara arrivò poi in ritardo da parte dell’amministrazione di centrodestra subentrante, in quanto parte degli assessori erano convinti della necessità di azzerare tutto e realizzare altrove il palazzetto. Una ferma opposizione alla scellerata idea di perdere il percorso amministrativo precedente, da parte del gruppo del Partito democratico di allora, condusse alla prosecuzione dell’iter amministrativo per il palazzetto.

Da anni la città attendeva un contenitore per sport, tempo libero, benessere e cultura, una struttura per concerti e convegni, un luogo dedicato a festival, meeting e fiere, in grado di concretizzare quell’idea di città in movimento, attiva, rivolta anche a territori più ampi rispetto ai confini comunali e in grado di coinvolgere le società sportive, il mondo dell’associazionismo e la comunità intera. Il progetto, dovuto all’amministrazione di centrosinistra, nella sua realizzazione rilancia Terni non solo in ambito sportivo, ma la promuove anche come trend, attraverso la visione di una città che guarda al futuro.

Quell’idea iniziale e il percorso conseguente consegnano ai cittadini ternani prospettive di crescita, sviluppo e di partecipazione. Seguiremo ora l’iter relativo alla gestione in capo al concessionario, affinché rispetti le linee guida del disciplinare di gara. Auspichiamo che il Palaterni possa coinvolgere tutta la città, attraverso un nuovo modo di fare comunità.

*capogruppo Pd consiglio comunale Terni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Palaterni nato grazie alla tenacia del centrosinistra, nel centrodestra c’era chi lo avrebbe voluto altrove”
TerniToday è in caricamento