Spostamenti dopo il Coronavirus, gli italiani scelgono l'auto privata

I mezzi propri sono stati i più utilizzati per muoversi durante il lockdown e la tendenza non è in calo, nonostante la riapertura del trasporto pubblico

Durante il periodo del lockdown imposto dall’emergenza sanitaria da Coronavirus, anche gli spostamenti degli italiani sono profondamente cambiati. Infatti, secondo l'analisi dell'Osservatorio Autopromotec, che ha rielaborato i dati di fonte Isfort, chi si è spostato ha scelto nella stragrande maggiornaza dei casi mezzi privati, in particolare auto e moto.

Infatti tra l’entrata in vigore del DPCM dell’11 marzo e la fine della cosiddetta “fase 1”, ovvero il 3 maggio, la quota di italiani che hanno utilizzato un mezzo a motore privato per i propri spostamenti è aumentata di 4,5 punti percentuali, passando dal 56,5% al 61%. In contemporanea è invece calata dal 10,1% al 4,1% la quota degli italiani che hanno utilizzato mezzi di trasporto pubblici (bus, tram, metro, ecc.), mentre è aumentata lievemente la quota di chi ha deciso di spostarsi con mezzi non motorizzati (in bicicletta e a piedi), quota che è passata dal 33,4% al 34,9% (+1,5 punti percentuali). Va detto che anche nella città di Terni i mezzi pubblici hanno - durante la Fase 1 - drasticamente ridotto le corse, ripristinando la normalità solo dopo il 18 Maggio.

Ecco che, in base ai dati raccolti, l'automobile privata diventa la regina degli spostamenti nel nostro Paese, anche in una situazione di emergenza come quella che stiamo vivendo. Indubbiamente, in questa fase l’auto rappresenta il mezzo più sicuro dal punto di vosta igienico, oltre ad essere l’unico in grado di garantire il distanziamento sociale necessario per affrontare un viaggio in totale sicurezza. Inoltre, anche se l’emergenza sanitaria da coronavirus non è ancora finita, secondo gli esperti dell’Osservatorio Autopromotec, anche con allentamento delle restrizioni alla circolazione l’auto privata rimarrà ancora la protagonista indiscussa degli spostamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Non paga la dose di cocaina al pusher ed è costretto a cedergli i suoi valori personali. La polizia intrappola un 25enne di Orvieto

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento