menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Altro che 'caro Babbo Natale'. Ecco il 'caro bollette' del SII". Attacco di Pd e 5Stelle

Inizia il progressivo rincaro delle bollette che raggiungerà il +8 per cento nel 2023. Pd e 5Stelle: "Frutto di una operazione scriteriata di strisciante privatizzazione del SII"

Inizia la piena operatività del nuovo corso del SII (servizio idrico integrato) e sarà percepibile direttamente in bolletta, con un piano rincari calendarizzato fino al 2023, giustificati in gran parte dagli importanti investimenti strutturali che interesseranno tutta la rete che serve la provincia di Terni.

Gli aumenti lieviteranno progressivamente in bolletta fino a toccare quota +8 per cento entro il 2023. 

Questo il piano deliberato anche dal comune di Terni che ha visto una feroce opposizione da parte dei gruppi di minoranza che accusano la maggioranza di aver dato semaforo verder a una "operazione scriteriata di strisciante che ha portato alla privatizzazione del SII che, come era facile prevedere, ricade nelle tasche dei Ternani".

I consiglieri del Partito democratico e del Movimento 5 Stelle parlano di "un aumento consistente che va a incidere su tariffe già non economiche. Un aumento considerevole se si valuta l'inflazione inesistente. Sono i frutti della cessione delle quote SII di Asm all'azionista privato. Solo i consiglieri di maggioranza hanno voluto credere per amor di poltrona alla storiella dei privati impegnati come babbo natale in un’operazione filantropica.

Invece - proseguono i consiglieri di minoranza - grazie al sindaco Latini e alla sua giunta i ternani sono diventati il bancomat del servizio idrico integrato nonostante il primo cittadino avesse dichiarato a mezzo stampa: "L’acqua resterà pubblica, non ci sarà nessun aumento delle tariffe". Ebbene, alla luce del nuovo piano tariffario, possiamo dire bugie farcite di menzogne.
Oggi - concludono - sappiamo che chi ha voluto e votato questa operazione lo ha fatto mentendo spudoratamente. Roba che da sola basterebbe a chiedere le dimissioni  di Sindaco, giunta e consiglieri comunali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento