menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Calci e pugni alla moglie dopo averla rintracciata, arrestato ternano dai carabinieri

A seguito dell’ennesimo episodio di violenza domestica la donna aveva deciso di lasciare il tetto coniugale per trovare rifugio a casa di alcuni conoscenti

I carabinieri della stazione di Papigno hanno arrestato, in flagranza di reato, un ternano cinquantenne, responsabile dei delitti di lesioni personali aggravate e violazione di domicilio aggravata. A seguito dell’ennesimo episodio di violenza domestica, la moglie aveva deciso di lasciare il tetto coniugale per trovare rifugio a casa di alcuni conoscenti i quali potessero, in qualche modo, proteggerla e consigliarla.

L’uomo, tuttavia, è riuscito a rintracciarla ed in preda a uno stato d’ira, ha dapprima abbattuto il portone di ingresso condominiale del palazzo. Successivamente giunto al piano dell’abitazione, ha iniziato a colpire con un grosso catenaccio tutto ciò che aveva di fronte, riuscendo ad abbattere anche il portone della privata abitazione, facendovi ingresso.

Trovatosi di fronte alla propria consorte, l’ha resa bersaglio di calci e pugni finché la sua furia non è stata interrotta dai carabinieri prontamente intervenuti che, dopo averlo posto in sicurezza, lo hanno dichiarato in arresto. Giunta in ospedale per le cure del caso, la donna – che ha riportato contusioni multiple – è stata dichiarata guaribile in sette giorni salvo complicazioni. L’arresto è stato convalidato e l’uomo posto agli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento