Coronavirus, l'appello del sindaco di Giove zona rossa del ternano: "Denunciate chi non rispetta le regole"

Il sindaco interviene: "In molti non hanno rispettato le disposizioni di sicurezza impartite partecipando a cene, feste, incontri di amici non consentiti"

foto tratta da facebook

“E’ una Pasqua particolare quella in cui tutti ci troviamo”. Il primo cittadino di Giove Alvaro Parca si rivolge in modo piuttosto accorato ai propri concittadini, all’indomani dell’ordinanza emessa dalla presidente della regione Donatella Tesei. “Ci troviamo in zona rossa a causa del Coronavirus. Il territorio è completamente chiuso per le uscite e le entrate, tranne i casi eccezionali previsti. Siamo arrivati a questo provvedimento perché il numero dei casi è aumentato notevolmente. Siamo passati dai due di fine marzo ai 31 positivi di oggi che si portano appresso la cerchia di amici e conoscenti, i quali devono essere sottoposti a tamponi".

"Perché ci siamo arrivati a tale situazione? - si domanda Parca - In molti non hanno rispettato le disposizioni di sicurezza impartite partecipando a cene, feste, incontri di amici non consentiti. Queste persone sanno di aver fatto delle cose sbagliate e dovrebbero farsi un esame di coscienza e capire. Hanno sulla coscienza la situazione dell’intero paese. Non è un’attribuzione di colpa ma di responsabilità per il futuro. Questa ordinanza emanata per 14 giorni può essere prorogata. Ci dobbiamo mettere tutti in testa di rispettare rigorosamente le disposizioni. Non possiamo fare gli incontri di famiglia e lo dico in previsione della Pasqua. Dobbiamo rimanere a casa. Deve essere chiaro per tutti - afferma - altrimenti il periodo potrebbe essere prorogato finchè non si vedrà un calo di positivi. Mi appello alla coscienza e lo spirito civico dei cittadini, se infrante le regole vengono vanificati gli sforzi di tutti. Chi ne è a conoscenza di questi casi lo denunci, tutto ciò non vuol significare fare la spia, vuol significare fare il bene dei cittadini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento