menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Terni ha fatto molto per me, uscirete da questo incubo ancora più forti”

Emergenza Coronavirus, la lettere dell’ex studente: la mia mente e il mio cuore escono dalla quarantena e superano ogni ostacolo per essere vicini a voi in questi momenti terribili

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di cittadino kosovaro, ex studente della sede di Terni dell’Università degli Studi di Perugia, indirizzata a Terni e all’Italia in questo momento di grande difficoltà dovuto all’emergenza Coronavirus

Cari ternani,

Scioccato da ciò che sta accadendo in Italia ma impossibilitato a dare un aiuto concreto, ho deciso di indirizzarvi questa lettera nella quale vorrei esprimervi tutta la mia solidarietà e i miei sentimenti.

Mi chiamo Arber e sono di Ferizaj (Kosovo), la citta con cui Terni è gemellata. Conosciuti anche come “i ragazzi di Don Sandro”.  Ho studiato a Terni per alcuni anni e considero sia Terni che l’Italia come la mia seconda Patria.

Con grande tristezza e con il cuore spezzato, seguo ogni giorno quello che sta accadendo in Italia. Quello che sta accadendo a un grande popolo, un popolo generoso, solidale ed accogliente!

So che questi non sono giorni facili per voi, che vi trovate a combattere contro una malattia terribile e con la morte. Sono molto dispiaciuto di non potervi aiutare personalmente perché, come ormai quasi tutto il mondo, sono chiuso in casa in quarantena. Tuttavia, la mia mente e il mio cuore escono dalla quarantena e superano ogni ostacolo per essere vicini a voi in questi momenti terribili e per dirvi che non siete soli.

Ho stima in voi, conosco la vostra tenacia e sono profondamente convinto che riuscirete a superare tutto questo.

Probabilmente questa mia lettera non vale nulla in confronto a ciò che l’Italia e Terni hanno fatto per me e per il mio paese ma questo è un messaggio che viene dal profondo del mio cuore, nelle mie attuali possibilità di mostrare a voi la massima solidarietà e dirvi che vi sono accanto.

Esprimo le mie più sincere e sentite condoglianze al popolo italiano e al popolo ternano per le loro perdite. Auguro ai malati i migliori auguri di una pronta guarigione.

Credo che Dio metta alla prova i popoli con un grande cuore per renderli ancora più forti e sono certo che voi uscirete da questo incubo ancora più forti. Distanti ma uniti, prego per voi ogni giorno. Vi esorto a restare forti e a non mollare mai.

Dio benedica i cittadini di Terni, Dio benedica il popolo italiano!

Un abbraccio dal vostro fratello ternano-kosovaro

*ex-studente dell’Università degli Studi di Perugia, sede di Terni

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento