Coronavirus, le misure della Regione Umbria per scongiurare il lockdown: “Test immediati sui soggetti potenzialmente a rischio”

L’annuncio dell’assessore Luca Coletto per limitare la diffusione del contagio: “Nelle prossime settimane ‘testare’ sarà la parola d’ordine

foto Giacomo Sirchia

“Testare sarà la parola d’ordine nelle prossime settimane”. L’assessore regionale alla salute Luca Coletto traccia la road map per limitare la diffusione del contagio da Coronavirus, ed evitare un nuovo lockdown. Predisporre le misure adeguate e tenere alta la guardia sono gli elementi cardini posti in essere. I test verranno predisposti per quei soggetti che potenzialmente potrebbero essere portatori del virus.  

“Al momento il pericolo arriva dall’esterno e, per fortuna, ci troviamo di fronte a cluster chiusi e d’importazione. Aver deciso di tracciare all’aeroporto di Perugia anche i passeggeri in arrivo da nazioni per le quali è previsto solo l’isolamento di 14 giorni, ha permesso di individuare pochissimi soggetti positivi che però, potenzialmente, avrebbero potuto generare nuovi contagi evitati grazie all’isolamento di tutti i contatti. Non possiamo permetterci di stare fermi – afferma l’assessore - perché intercettare da subito un caso, soprattutto se asintomatico, significa preservare la nostra comunità e soprattutto scongiurare un nuovo lockdown che, al momento, sarebbe improponibile per tutta una serie di fattori sociali ed economici.  Isolare da subito i casi positivi inoltre, significa anche contribuire a non aumentare il lavoro dei servizi territoriali, già sotto pressione da mesi”. 

  “Credo sia importante sottolineare che queste misure non dovranno essere interpretate come una sorta di caccia alle streghe. Inoltre – aggiunge - non devono generare nessun tipo di pressione sui soggetti che arrivano in Umbria. Una regione che è, e rimane, aperta e ospitale e che in questi giorni ha visto un numero elevato di presenze. Tuttavia l’auspicio è che incida sul senso di responsabilità il quale, in questa fase in molti casi, è venuto a mancare soprattutto tra i giovani. Lo dimostra il fatto che, anche in Umbria, la maggior parte dei nuovi positivi hanno meno di 50 anni, con un innalzamento dei casi positivi nella fascia d’età compresa tra i 17 e 25 anni”.

“Se vogliamo preservare la nostra comunità – prosegue Coletto - bisognerà investire su interventi mirati e un programma dettagliato di screening. Un programma questo che avrà una ricaduta positiva anche per i costi, visto che l’effettuazione di un test/tampone ha un’incidenza economica minore rispetto a quella di ospitare per 14 giorni in appositi alloggi i soggetti che non possono stare in isolamento nella propria abitazione o in quella di coloro che li ospitano. Questo – sottolinea l’assessore Coletto - non esclude il fatto che la regione stia comunque lavorando per individuare nuovi alloggi da utilizzare per l’isolamento dei nuovi arrivati fino all’esito del tampone o per altri periodi stabiliti dai servizi sanitari”.

Concludendo l’assessore ricorda ancora una volta, a tutte le famiglie che ospitano soggetti provenienti dalle nazioni fortemente interessate dal Covid “Di informare i servizi di prevenzione dell’Usl Umbria, onde evitare la convivenza con persone potenzialmente infette, in particolare con i familiari più fragili come i nostri anziani”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento