Coronavirus, lo storico Bar Aci e le nuove direttive. I titolari: "Ci siamo ma a metà, teniamo duro"

I titolari: ci piange il cuore ma siamo qui in orari stabiliti per mantenere un servizio alla collettività- l'INTERVISTA

Per anni e anni è stato il ritorvo di tanti ternani h 24. Il Bar Aci ora è come tutti sotto le direttive del Governo per il Coronavirus. Ci sono ancora, pochissimi, persone che si aggirano e guardano incredule: le vetrine sono semispoglie, i dipendenti e le luci di sempre adesso non ci sono. Il Bar Aci resta aperto solo per i servizi autorizzati dal Governo, ovvero tabacchi, giornali, lotto. Il tiolare Matteo Corneli raaccomanda : "Restate a casa e venite solo per estrema necessitaà. Solo così ce la faremo tutti prima possibile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

Torna su
TerniToday è in caricamento