menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Emergenza Coronavirus, San Gemini e quattro comuni dell’orvietano i più colpiti

Diciassette comuni su trentatré sono coinvolti direttamente in virtù della presenza di almeno un caso al loro interno

Sono 195 i soggetti risultati positivi al Coronavirus nella provincia di Terni. Un dato comunicato ieri dalla regione dell’Umbria, in attesa del nuovo bollettino che verrà diffuso nel corso della giornata. Di questi 45 sono ricoverati all’ospedale di Terni su un totale di 51 pazienti, alcuni provenienti da fuori provincia. L'aspetto positivo è l’uscita dalla rianimazione dal Santa Maria di tre pazienti per essere trasferiti al quinto piano area ‘Covid’.

I numeri nel ternano

Al momento i numeri che risaltano sono quelli di San Gemini, Baschi, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Porano ragguagliando i casi positivi agli abitanti dei rispettivi municipi. Sono infatti computati undici soggetti positivi (tre ricoverati, sette in isolamento ed uno guarito ndr) su una popolazione di circa 5000 abitanti nella cittadina delle acque minerali. Secondo gli ultimi dati della Protezione Civile se ne contano otto a Baschi, sei a Castel Viscardo, sette a Castel Giorgio ed otto a Porano anche se, il primo cittadino, ha comunicato che due persone sono ufficialmente guarite. Essendo territori con popolazione poco inferiore ai 3000 abitanti (a Porano sotto i duemila), il rapporto è sicuramente più elevato comparandolo a quello delle altre zone del ternano.

Ad Orvieto il triste primato dei decessi: ben cinque – di cui tre annunciati nel corso della giornata di ieri – su un totale di dieci. Gli altri appartengono ai municipi di Amelia, Stroncone e Terni. Si tratta di quattro uomini e sei donne dall’età compresa tra i 59 e 88 anni. Nella città della rupe 37 le persone positive al tampone, venti di queste si trovano, presso la propria abitazione, in isolamento contumaciale. A Terni città sono stati accertati 79 casi, su una popolazione di oltre 110 abitanti, un numero sicuramente da non sottovalutare ma proporzionalmente relativamente basso. C’è comunque da dire, fortunatamente, che al momento la situazione è sotto controllo e non si registrano focolai locali. L’unica zona rossa istituita in Umbria è quella della frazione di Pozzo, situato nel comune di Gualdo Cattaneo. I cittadini rispondono con senso civico e responsabilità, anche sollecitati dai sindaci che si stanno prodigando alacremente per rispondere alle molteplici questioni sollevate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento