È ai domiciliari ma esce con gli amici, si scatta i selfie e li pubblica su Facebook: in carcere

Le foto ricordo con tanto di braccialetto elettronico sono costate care ad un pregiudicato romano che stava scontando la sua pena presso la Comunità incontro di Amelia

Un selfie è per sempre. Quelle foto ricordo non sono però passate inosservate agli investigatori del commissariato Prenestino – diretto da Roberto Arneodo - che, scorrendo il profilo social di un detenuto romano, hanno notato le immagini scattate dal pregiudicato.
Che non solo non doveva stare in un luogo diverso rispetto alla Comunità incontro di Amelia dove si trovava agli arresti domiciliari. Ma non avrebbe dovuto nemmeno “comunicare con persone diverse da quelle che con lui coabitano o che lo assistono”, così come previsto dalla misura cautelare a cui era sottoposto.

L’uomo insomma aveva continuato ad uscire e a postare sui social network, con tanto di braccialetto elettronico in bella mostra sulla caviglia destra, foto ricordo degli incontri. Condotta che non è sfuggita però agli investigatori del Commissariato Prenestino, diretto da Roberto Arneodo, che mai hanno perso di vista il soggetto.

Le “condotte plurirecidive” sono state segnalate dagli investigatori all’autorità giudiziaria, che, preso atto dei comportamenti “sprezzanti” del detenuto, ha emesso un’ordinanza di ripristino della misura cautelare in carcere. La misura è stata eseguita nella giornata di martedì proprio dagli investigatori del commissariato Prenestino ad Amelia dove l’uomo dimorava presso la Comunità incontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Inizia il week-end "arancione". Ecco cosa si potrà fare e cosa no

Torna su
TerniToday è in caricamento