Furti a raffica in tutta la città: maximulta al ladro seriale, dovrà pagare quasi 50mila euro

Scoperto ed espulso, è tornato a Terni con la moglie incinta ma è stato di nuovo arrestato dalla polizia. Prelevato dal carcere, è stato imbarcato sul primo aereo per l’Albania

Ai furti non si comanda. Lo avevano già scoperto, espulso e rimpatriato tre anni fa. Poi è rientrato in Italia, a Terni, sotto falso nome, assieme alla moglie incinta. In città grazie ad un permesso di 6 mesi per cure mediche, ci è ricascato. E anche stavolta è stato pizzicato in flagrante dagli agenti della polizia di Stato. Che lo hanno portato in carcere fino a quando dal magistrato di sorveglianza del tribunale di Spoleto è arrivato il provvedimento di ripatrio.

Protagonista della vicenda è un cittadino albanese di 35 anni che per molto tempo ha vissuto a Terni tra furti ed espedienti. Dopo il rimpatrio, avvenuto tre anni fa, era tornato nella città dell’acciaio, sotto falso nome, per turismo, insieme alla moglie in avanzato stato di gravidanza. La donna aveva partorito all’ospedale di Terni ed era stato concesso ad entrambi un permesso di 6 mesi per cure mediche.

L’uomo però non è riuscito a stare lontano dai guai ed è stato arrestato in flagranza di reato mentre commetteva un furto. A questo punto sono emerse le sue vere generalità e tutti i suoi precedenti. È stato dunque condannato a 3 anni e 2 mesi per cumolo di pena e al pagamento di 49.300 euro di multa ed è stato rinchiuso nel carcere di vocabolo Sabbione.

Nel fine settimana scorso è arrivato il provvedimento del magistrato di sorveglianza del Tribunale di Spoleto che ha disposto il rimpatrio come misura alternativa alla detenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti dell’ufficio immigrazione della questura di Terni lo hanno prelevato dal carcere e lo hanno portato all’aeroporto di Perugia, da dove ha preso il primo volo utile per l’Albania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento