Decreto Sicurezza, altri due migranti fuori dall’accoglienza

Quattro fino ad ora le persone che non possono essere più ospitate, altre 36 sono a rischio. Piemontese: faremo la nostra parte, non buttiamo le persone in mezzo alla strada

Altri due migranti sono stati mandati via dalla casa di accoglienza “San Martino” della Caritas. A darne notizia il vescovo diocesano Giuseppe Piemontese. Salgono così a quattro, al momento, gli ospiti messi fuori dalla struttura, ma il rischio, molto concreto, è che il numero sia destinato ad aumentare da qui ai prossimi giorni.

È l’effetto del decreto Sicurezza. Lo stesso vescovo ha parlato di “almeno altre 36 persone a rischio”. La notizia è arrivata tramite una lettera della prefettura. Si specifica pure che “essi non possono stare in nessuna casa accreditata e quindi o per strada o, se la San Martino non vuole, bisognerà che trovi una soluzione diversa, ma naturalmente a sue spese”. “Sono cominciate le epurazioni”, aveva detto monsignor Piemontese alcuni giorni fa parlando di “clima invelenito nei rapporti tra le persone, della mancanza di solidarietà, di rispetto, di misericordia, di umanità”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Caritas nazionale prenderà una decisione in questi giorni, cercherà soluzioni e comunque – assicura il vescovo – noi siamo una piccola diocesi, con scarse risorse, ma non ci tireremo indietro, faremo la nostra parte. Non buttiamo le persone in mezzo alla strada”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il decreto, queste persone, però, avendo un timbro scaduto, per legge, sono diventate clandestini. E la clandestinità è un reato: chi li aiuta potrebbe trovarsi accusato di favoreggiamento con l’effetto che queste persone saranno fuori dalle strutture dove alloggiano e messi in strada, non rientrando nello status di rifugiati né in quello dei permessi straordinari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre a Terni: “Il punto vendita di intrattenimento più grande del centro Italia”. Dalle difficoltà del Covid al coraggio di investire

  • Nasce il primo ristorante fantasma in città. L’idea di un giovane ternano: “Voglio contribuire al rilancio del nostro territorio”

  • Donna trans accoltellata di notte nella sua abitazione in via Battisti. Ricoverata al Santa Maria

  • Incidente sul raccordo, mezzo pesante si ribalta e viene tamponato: autotrasportatore in rianimazione

  • Valigie di droga dal Pakistan a Terni. Decapitata la cupola dei signori dell'eroina

  • Trecento posti di lavoro ma anche una nuova clinica privata: ecco il nuovo Liberati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento