Coronavirus, in vigore le regole anti-contagio negli ospedali: visite limitate ai pazienti, container attivi e tamponi

Ecco perchè gli ingressi nei vari reparti di nosocomi e case di cura devono essere contingentati

Il giro di vite sulle visite ai pazienti di Ospedali e ospiti di case di cura e per anziani sta creando anche in Umbria - regione al momento con zero contagiati, zero focolai - forti malumori e polemiche sia sui social che direttamente inviate ai vertici dei vari presidi medici. Le nuove regole fanno parte dell'ordinanza anti-coronavirus redatte dal Governo con il consenso delle Regioni. Per quanto comprensibilmente antipatiche sono comunque fondamentali per evitare il diffondersi di un eventuale contagio fuori e dentro le strutture ospedaliere.

Nel Comitato per l'Ordine pubblico in Prefettura a Perugia il direttore regionale della sanità Claudio Dario ha ribadito che sono cruciali e non derogabili. Infatti, secondo il dirigente, la priorità è quella di evitare che il coronavirus riesca ad entrare negli ospedali e strutture sanitarie perchè il contagio metterebbe a rischio vita i pazienti ricoverati che hanno patologie croniche e difese immunitarie basse; in più in caso di contagio la macchina sanitaria subirebbe forti rallentamenti e mancanze a causa di medici e infermieri malati e quindi impossibilitati ad operare in piena emergenza. Per prevenire questi scenari si è ricorsi anche alla limitazione delle visite ai pazienti in tutta la Regione: visite rigorosamente registrate, in orari stabiliti, solo uno alla volta.

Ma ovviamente nei nostri ospedali questa non è la sola regola in vigore: da questa mattina sono attivi i container situati davanti ai pronto soccorso. Si tratta di strutture di 30 metri quadri, divisi in due stanze, con un medico e un infermiere di servizio. In caso di sintomi o di contatto con persone infettate viene effettuato il tampone. Poi si decide se trasferire il paziente - con percorsi protetti e studiati a tavolino per evitare contatti - nel reparto di Malattie Infettive di Perugia o Terni. Bloccate anche tutte le attività di volontariato o di raccolta fondi per le onlus all'interno delle strutture. L'ordinanza è in vigore finchè resterà decretato dal Governo lo stato di emergenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento