menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Timbratura irregolare, i dipendenti rischiano 6 stipendi: dall'Umbria una sentenza salva-pubblici

Il caso di una lavoratrice del Comune di Assisi. La Corte dei conti ha giudicato la misura sanzionatoria prevista dalla norma "eccessiva, sproporzionata e manifestamente irragionevole"

Era prevedibile che accadesse. Anche perchè la norma aveva suscitato molto dubbi. Troppo sproporzionata la pena rispetto ad un danno che poteva essere anche marginale o minore. Nel 2016 fu emanato il Decreto Legislativo n. 116, che prevedeva che i dipendenti pubblici, i quali avessero fatto una timbratura irregolare anche solo per pochi minuti, avrebbero dovuto essere condannati, per danno d’immagine, ad un importo non inferiore a sei mesi di stipendio.

Nel corso di un giudizio di fronte alla Corte dei conti dell’Umbria a carico di una dipendente del Comune di Assisi, la quale dopo nove ore di lavoro era uscita un’ora prima dall’orario previsto, l’Avv. Siro Centofanti ha sollevato la questione di costituzionalità dell’art. 1 del Decreto Legislativo n. 116, sia perché la Legge n. 124/2015 non conteneva una delega al Governo per introdurre norma in materia di responsabilità contabile, sia perché la previsione di un danno, pari alla retribuzione di 6 mesi, era assurda e sperequata rispetto ad assenze di poche decine di minuti.

Tutti i dettagli su perugiatoday.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento