rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Cronaca

Truffe agli anziani, via da Terni per tre anni: la decisione della questura

Il provvedimento nei confronti di tre persone arrestate dai carabinieri per avere tentato di raggirare alcune persone con il trucco dei falsi incidenti

Sono tutti residenti in Campania i tre uomini ai quali è stato notificato il provvedimento, firmato dal questore di Terni, Bruno Failla, del foglio di via obbligatorio, su proposta dei carabinieri di Terni e di San Gemini.

I tre si sono resi responsabili, in due diverse occasioni, di truffe per estorcere denaro a persone anziane con la tecnica del finto incidente causato da un parente e fingendosi appartenenti all’Arma.

Nella prima occasione, il 26 aprile scorso, un 19enne napoletano era stato colto in flagranza di reato da un luogotenente dei carabinieri di San Gemini, fuori servizio, che lo aveva fermato a Terni, prima che portasse a termine il suo piano ai danni di una signora che, spaventatissima, stava per consegnargli tutto quello che aveva in casa, tra denaro e preziosi.

Nel secondo episodio, il 27 aprile, un campano di 37 anni ed un cittadino brasiliano residente a Napoli di 39 anni, erano stati fermati dai carabinieri di Terni con preziosi, gioielli in oro e contanti appena sottratti ad una persona anziana e malata, sempre attraverso lo stesso stratagemma.

I tre pregiudicati, tutti e tre arrestati, sono stati raggiunti dunque dal foglio di via obbligatorio che “in considerazione della loro pericolosità sociale – spiega una nota della questura di Terni - prevede il rimpatrio nel comune di residenza e il divieto di ritorno nel Comune di Terni per 3 anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe agli anziani, via da Terni per tre anni: la decisione della questura

TerniToday è in caricamento