“Nessuna turbativa d’asta”, assolti i vertici del Santa Maria di Terni

L’indagine era partita dall’appalto per il servizio di prevenzione delle infezioni all’ospedale cittadino. La sentenza del Tribunale di Terni: il fatto non sussiste

L’accusa formulata dalla procura della Repubblica di Terni ipotizzava il reato di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Sotto la lente del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Terni era finita la delibera con cui la direzione dell’azienda ospedaliera Santa Maria di Terni aveva affidato la fornitura di materiali e la formazione per un progetto sperimentale legato alla prevenzione di infezioni nella struttura sanitaria cittadina.

L’ipotesi investigativa partiva dall’idea che l’affidamento, per un importo di 249mila euro, fosse stato effettuato in maniera diretta ad una azienda lombarda (la 3M Italia di Pioltello, Milano, estranea all’inchiesta) anziché attraverso una gara pubblica. Nel registro degli indagati erano stati iscritti i nomi del direttore generale dell’azienda ospedaliera, Maurizio Dal Maso, dell’ex direttore amministrativo, Riccardo Brugnetta e del responsabile unico del procedimento, Andrea Lorenzoni, oltre ad una quarta persona, uscita in precedenza dall’inchiesta.

Oggi, il gup del Tribunale di Terni, Simona Tordelli, ha pronunciato sentenza di assoluzione con formula piena “perché il fatto non sussiste”, ampliando la richiesta del pubblico ministero, Raffaele Iannella, secondo il quale il fatto contestato non costituisce reato.

Fondamentali sono state le memorie difensive con cui gli indagati hanno ricostruito la loro posizione processuale, e nelle quali è stato ribadito di avere “sempre operato nel rispetto completo delle leggi vigenti”, sottolineando come a seguito dell’affidamento del servizio non vi sia stata “alcuna spesa aggiuntiva” e “alla fine della sperimentazione” siano stati “riscontrati una sensibile riduzione delle infezioni ospedaliere e un importante risparmio in termini di giornate di degenza, costi diretti e indiretti legati all’assistenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento