menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via la pediatra, due Comuni in rivolta: scatta la petizione

Dal 4 ottobre il servizio sarà sospeso a Calvi dell’Umbria e ad Otricoli. L’assessore Piraino: tutelare il diritto alla salute dei nostri figli

Corsa contro il tempo a Calvi dell’Umbria e ad Otricoli, nel Narnese, per “tutelare il diritto alla salute dei nostri figli”.

Così l’assessore alla sanità e politiche sociali di Calvi dell’Umbria, Milos Eduardo Piraino, annunciando l’avvio di una petizione indirizzata alla Azienda sanitaria locale 2 dell’Umbria e che sarà possibile firmare negli uffici comunali dei due municipi, e ancora nella farmacia e al bar di Calvi dell’Umbria, contro la chiusura dell’ambulatorio pediatrico nei due comuni.

“Dal 4 ottobre – spiega l’assessore Piraino – sarà sospeso il servizio pediatrico a Calvi ed Otricoli. Questo comporterà la necessità per le famiglie di spostarsi a Narni o a Terni e, in caso di emergenze, di dover arrivare fino a Terni per accedere al pronto soccorso, rischiando di intasare ancora di più il servizio. Con la petizione – spiega ancora l’assessore – non chiediamo di ritornare su una decisione che ormai sembra già presa. Chiediamo semmai di essere individuati come ‘zona carente’ così da poter attivare un ambulatorio pediatrico che funzioni almeno due volte a settimana”.

Aggiornamenti a seguire

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento