Sangemini e Amerino da salvare, le richieste: “Regia regionale, salvaguardia dei marchi e adeguamento delle vendite”

Nuovi impulsi da un incontro che ha visto la partecipazione dei sindacati e dei sindaci di San Gemini, Terni, Montecastrilli e Acquasparta

Un incontro che ha coinvolto sindacati e primi cittadini del territorio, con l'obiettivo di individuare azioni concrete volte alla salvaguardia delle acque minerali ternane.
Ad emergere, nel corso dell'incontro tra i rappresentanti sindacali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e i sindaci e i rappresentanti dei Comuni di San Gemini, Terni, Montecastrilli e Acquasparta, una forte preoccupazione condivisa da lavoratori, sindacati e amministrazioni comunali sul futuro di due siti produttivi storici e fondamentali per il territorio, come Sangemini e Amerino. 
“Come organizzazioni sindacali abbiamo ribadito ai primi cittadini e agli amministratori presenti i punti cardine della vertenza e la necessità di aver chiarezza in merito al possibile superamento del periodo concorsuale”, spiegano i segretari di Flai, Fai e Uila, Paolo Sciaboletta, Simone Dezi e Fabio Benedetti, presenti al confronto insieme ai delegati della Rsu Marcello Rellini, Riccardo Liti e Michele Leone.
Dopo un'ampia discussione, lavoratori, sindacati e primi cittadini hanno concordato una serie di punti e richieste comuni: la costituzione di una regia regionale, formata da tutte le forze istituzionali interessate e dalle parti sociali, al fine di garantire la tutela dei marchi Umbri, l’occupazione sul territorio, l’integrità e la centralità dei due siti in oggetto; la necessità di avere accesso al piano industriale concordatario ed alle linee guida al più presto; il riconoscimento dell’alto valore simbolico, storico e occupazionale dei marchi delle acque minerali, che la cittadinanza umbra sente come propri.
Infine, le organizzazioni sindacali hanno ribadito le grande difficoltà in essere a livello commerciale, determinate da unarete vendite inadeguata e incapace di riacquisire gli spazi di mercato persi in passato. “Va ricreata una rete interna – concludono sindacati e Rsu - poiché i nostri marchi portano redditività importanti al gruppo stesso. Ma attualmente un marchio come Sangemini, invece di essere trainante per tutti, risulta irreperibile quasi ovunque a causa di strategie commerciali inadeguate. Lavoratrici e lavoratori sono stufi di pagare per gli errori e il pressappochismo dirigenziale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Raccordo Orte-Terni, si apre voragine sulla carreggiata: traffico in tilt ed intervento del personale Anas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento