Sangemini, lavoratori al voto: la Fai Cisl è il primo sindacato

Ieri le elezioni per il rinnovo delle rappresentanze sindacali, al voto hanno partecipato 78 dipendenti sugli 86 aventi diritto: 31 le preferenze per la Cisl

“Per la prima volta la Fai Cisl si è affermata come sindacato leader in Sangemini: una vittoria storica, frutto del grande lavoro di squadra che ci ha permesso di costruire consensi anche tra i non iscritti”.

Così la Fai Cisl Umbria rende noto l’esito delle elezioni per le rsu che si sono svolte nella giornata di venerdì nel sito produttivo dell’acqua Sangemini. La federazione agroalimentare industriale e ambientale della Cisl si è affermata con 31 voti, contro i 25 della Flai Cgil e 17 della Uila Uil.

“Grazie a tutti coloro che hanno creduto in noi”, afferma il segretario regionale, Dario Bruschi. “Ora inizia un percorso di grande responsabilità, che parte dal costante monitoraggio degli investimenti previsti dall’ultimo accordo. Con umiltà e impegno saremo, come sempre, al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori”.

A votare sono stati 78 dipendenti su 86 aventi diritto. Ad essere stato eletto per la Fai Cisl è Marcello Rellini. A lui giungono anche gli auguri del segretario nazionale, Attilio Cornelli: “I lavoratori hanno riconosciuto la vicinanza e l’impegno costante della nostra federazione; questo risultato lo consideriamo di buon auspicio per l’intero gruppo Acque Minerali d’Italia, che dallo scorso anno è alle prese con la nuova dimensione unitaria della società e con l’obiettivo di realizzare la prima contrattazione di gruppo costruendo migliori tutele per ogni sito”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A commentare la vittoria è anche il segretario generale, Onofrio Rota: “Risultati come questo ci invitano a proseguire la strada intrapresa, cercando di interloquire con lavoratrici e lavoratori senza mai cedere alla demagogia e alla propaganda fine a se stessa, con l’unico scopo di costruire solide relazioni industriali e sindacali, al servizio della crescita, della competitività, della partecipazione, della qualità del lavoro. Congratulazioni a tutti coloro che hanno contribuito a questo importante risultato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento