rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Meteo

Settimana santa divisa a metà, ma sulla Pasqua incombe l’incubo del maltempo: le previsioni

Peggioramento da lunedì sera con piogge e temporali poi una breve fase anticiclonica e ancora rischio perturbazioni: i dettagli

“Il sipario del dubbio sula Pasqua e la pasquetta sta per calare definitivamente e a malincuore dobbiamo dire che le nostre perplessità sulla possibilità di avere delle piogge si stanno rivelando concrete. Alla luce degli ultimi aggiornamenti, c’è rischio di instabilità per alcune zone della Penisola ma adesso vi spieghiamo tutto”.

Così Carlo Migliore, esperto di 3bmeteo.com, anticipa quella che potrebbe essere l’evoluzione meteorologica per la settimana santa e per le prossime festività della Pasqua.

Si comincia con una “fase di maltempo che ci accompagnerà per la prima parte della settimana santa, ma che in qualche modo condizionerà anche il tempo di Pasqua e di pasquetta. Il primo fronte associato al minimo ci raggiungerà alla fine della giornata di lunedì preceduto da un graduale rinforzo dei venti di scirocco e porterà le prime piogge sulle regioni più occidentali della Penisola, prevalentemente nordovest, centrali tirreniche e Sardegna”.

Da martedì la perturbazione dovrebbe investire “un po’ tutte le nostre regioni con le precipitazioni più abbondanti attese al nord e sulle regioni tirreniche. I fenomeni saranno a prevalente carattere di rovescio o di temporale e potranno risultare anche forti. In arrivo anche la neve sulle Alpi a quote inferiori ai 1000 metri che potrà essere abbondante sull’arco alpino centro orientale con stime di accumuli localmente prossime ai 60/70cm. Il tutto sarà accompagnato da venti forti meridionali e un sostanzioso calo delle temperature al nord”.

Tra mercoledì e giovedì è possibile l’arrivo di una “nuova fase di maltempo” che sarà contraddistinta da “rovesci e temporali localmente di forte intensità e accompagnati da una sensibile ventilazione che potrà raggiungere raffiche fino a 90/100km/h. Prevista ancora neve sulle Alpi a quote però superiori ai 1200/1400m. Contemporaneamente accadranno altre due cose: il vortice anglosassone sprofonderà progressivamente verso sudovest e, in conseguenza di ciò, l’anticiclone africano inizierà a risalire verso il Mediterraneo. Questo movimento a bilancia allontanerà la saccatura presente sull’Italia contribuendo ad un miglioramento generale del tempo entro la giornata di giovedì. Si prospetta quindi una breve fase anticiclonica, ma a pochi passi da noi il tempo sarà perturbato sull’Europa occidentale e questo costituirà un’insidia per i giorni di Pasqua e pasquetta anche sull’Italia”.

Ci sarà insomma una pausa di sole fra giovedì e venerdì, accompagnata anche du un incremento delle temperature con “i valori massimi potranno essere diffusamente superiori ai 22/23°C con punte anche di 25/26°C”.

Le previsioni dicono perà che questa parentesi potrebbe avere vita breve perché già dalla serata di venerdì o, al massimo, da sabato, è probabile l’arrivo di piogge “sulle regioni più occidentali. Poco o nulla cambierebbe per il resto della Penisola che resterebbe ancora pienamente immersa nella matrice anticiclonica con sole e temperature sopra media”.

“Tra la domenica di Pasqua e il lunedì in di pasquetta – prosegue Migliore - la saccatura potrebbe spostarsi ulteriormente verso est. A quel punto non avremmo più a che fare con delle infiltrazioni umide e instabili, ma con un vero e proprio fronte perturbato in grado di portare piogge più estese e a tratti anche abbondanti. Dato che il fronte arriverebbe da ovest, è presumibile che a fare i conti con questo potenziale maltempo debbano essere in una prima fase (domenica di Pasqua) le regioni settentrionali e quelle centrali tirreniche e in una seconda fase (lunedì di pasquetta) anche il resto del centro e parte del sud. Dunque, il rischio di pioggia per Pasqua e pasquetta si fa concreto ma, d’altra parte, le Pasque e le pasquette hanno spesso avuto connotati instabili sull'Italia. Ma non è ancora detta l'ultima parola. Anche se la probabilità al momento va in questa direzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settimana santa divisa a metà, ma sulla Pasqua incombe l’incubo del maltempo: le previsioni

TerniToday è in caricamento