rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Notizie dall'Umbria

Umbria, marito minaccia la moglie: "Ti sfregio con l'acido". Il figlio trova il flacone nascosto e lo getta via

Avviso di conclusione delle indagini per l'uomo accusato di maltrattamenti in famiglia. La donna: "Tutto perché ho iniziato a lavorare e mi sono tinta i capelli"

Botte, insulti, minacce di morte e di deturparla con l’acido, le impedisce di tingersi i capelli e la insulta davanti agli amici. Sono le accuse che una donna di 35 anni ha rivolto al marito, di 59 anni, e che hanno portato all’avviso di conclusione delle indagini nei confronti dell’uomo per maltrattamenti in famiglia.

Secondo il racconto della donna, le violenze sarebbero iniziate quattro anni fa, quando lei avrebbe iniziato a chiedere più indipendenza, a non voler più stare a casa. La donna in quel periodo, infatti, ha preso la patente e iniziato a lavorare come collaboratrice domestica.

Il marito non avrebbe accettato questa situazione e avrebbe iniziato a maltrattarla, fisicamente e psicologicamente, in un crescendo che ha portato la donna a temere per la sua incolumità e per quella dei figli, oltre che a vivere in uno stato di ansia.

L’episodio principale si sarebbe verificato il giorno che la donna è tornata a casa con i capelli tinti dal parrucchiere. L’uomo le avrebbe detto che non aveva il diritto di tingersi i capelli, gettandola poi sul letto e colpendola con schiaffi e pugni e sputandole in faccia. Dopo questo episodio la situazione sarebbe peggiorata, sostiene la donna, con maltrattamenti e vessazioni costanti, che hanno portato la donna ha chiedere la separazione. Decisione che avrebbe incrementato le aggressioni e le minacce: “ti spezzo”, ti meno”, “ti brucio”, “ti faccio mangiare la terra”, “ti sfregio”.

Tra le minacce anche quella di “riportarla in Marocco”, dove avrebbe avuto meno tutele che in Italia. Tanto più che la donna non è cittadina italiana, in quanto il marito le avrebbe sempre impedito di richiederla. L’uomo pretenderebbe di verificare le entrate economiche della donna e vorrebbe anche gestire i soldi che lei guadagna lavorando, saltuariamente. Nella denuncia la donna ha anche affermato che il marito da tempo avrebbe smesso di provvedere alle esigenze familiari, cui deve fare fronte lei con le sue entrate

Un giorno la donna, inoltre, era andata a camminare in campagna, quando si è trovata di fronte il marito che l’avrebbe aggredita e picchiata, solo l’intervento di un passante avrebbe salvato la donna. Al rientro a casa, poi, avrebbe trovato chiuso, con il marito che non la voleva far entrare e solo l’intervento della figlia aveva appianato la questione.

Un mese dopo, invece, il figlio avrebbe visto rientrare l’uomo in casa con un flacone di acido muriatico e nasconderlo. Ricordandosi delle presunte minacce alla madre, il ragazzo avrebbe svuotato il contenitore di acido. In un’altra occasione, infine, sempre il figlio avrebbe difeso la madre e la sorella, insultate dall’uomo davanti ad un gruppo di amici, definendole come delle prostitute. Adesso l’uomo è chiamato a presentare alla Procura prove, documenti o sottoporsi ad interrogatorio. Toccherà poi al pm chiedere il giudizio o l’archiviazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umbria, marito minaccia la moglie: "Ti sfregio con l'acido". Il figlio trova il flacone nascosto e lo getta via

TerniToday è in caricamento