rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Notizie dall'Umbria

Violenta e filma l'amica in overdose dopo il festino in appartamento, 43enne condannato a 5 anni di reclusione

L'uomo è stato assolto dall'accusa di aver ceduto la dose che ha ucciso una mamma di 27 anni

Cinque anni di reclusione per aver violentato e filmato una 27enne ubriaca e sotto l’effetto della droga, ormai quasi in coma e impossibilitata a difendersi. È quanto ha stabilito il giudice per l’udienza preliminare a carico di un sudamericano di 43 anni, difeso dall’avvocato Mauro Dottori. L'uomo era accusato di violenza sessuale aggravata e morte di una persona che aveva assunto droga da lui ceduta, ma da questa ultima imputazione è stato assolto.

L'11 aprile del 2021 la Polizia era intervenuta in un appartamento di Fontivegge, dove si era svolta una festa, in violazione anche delle norme per il contenimento del Covid-19, e aveva trovato il corpo senza vita di una giovane sudamericana. La cittadina ecuadoriana era deceduta a seguito di un malore per l'abuso di stupefacenti. Al momento dell'intervento venivano trovate all'interno dell'appartamento quattro persone, tra cui i due indagati, oltre ad un'altra coppia amici della giovane defunta, una ragazza di 27 anni, mamma di due bambini.

Dall'analisi dei cellulari degli indagati, dei tabulati telefonici e dalla visione dei filmati delle telecamere di video sorveglianza, e dall'audizione dei testimoni, veniva ricostruita la serata della, trascorsa bevendo sostanze alcoliche in un altro appartamento in compagnia di connazionali, poi la festa intorno alla mezzanotte e 45 si era spostata nell'appartamento di piazza Vittorio Veneto, dove tutto il gruppo aveva consumato eroina e cocaina fornita proprio dal proprietario di casa.

L'uomo, inoltre, avrebbe approfittato dello stato di incoscienza della giovane poi deceduta per denudarla, toccarla nelle parti intime e consumare un rapporto orale. Nel suo cellulare i poliziotti avevano trovato fotografie della ragazza nuda. Violenze che sarebbero avvenute anche nelle prime ore della mattina, quando la giovane stava già male. I familiari della vittima si sono costituiti parte civile tramite l’avvocato Donatella Donati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta e filma l'amica in overdose dopo il festino in appartamento, 43enne condannato a 5 anni di reclusione

TerniToday è in caricamento