"Rispetta le regole", lo spot della regione Umbria per prevenire i contagi da covid-19 fra i giovani

L'assessorato alla salute e l'Asl 1 hanno lanciato uno spot per comunicare direttamente con i giovani e aiutarli a comprendere l'importanza di prevenire il contagio rispettando le norme di protezione personale. Coletto: "Alto tasso di contagi asintomatici fra i giovani".

“Vivi la tua gioventù in sicurezza, rispetta le regole”. Questo il messaggio lanciato dall'assessorato regionale alla salute e il dipartimento di prevenzione dell'Asl 1, che hanno voluto dedicare ai giovani attraverso un video spot per invitarli a rivedere alcune abitudini e ad adottare i giusti comportamenti per proteggere se stessi e gli altri dall’infezione prodotta dal covid-19.

 “Sei sicuro? Ne sei certo? E’ proprio così?”, sono le domande chiave rivolte ai giovani attraverso il video che sarà pubblicato sui siti istituzionali delle aziende sanitarie e della Regione Umbria. 

 “In Umbria dall’inizio dell’epidemia 768 soggetti, pari al 32,5 del totale dei casi positivi al Covid registrati, ha un’età compresa tra i 15 e i 39 anni – spiega l’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto - L’età media dei positivi, che a marzo era intorno ai 65 anni,  negli ultimi mesi si è abbassata notevolmente, fino a raggiungere i 35 anni. Infatti – aggiunge - durante l’estate, quando si è verificata la nuova ripresa dei casi, la circolazione del virus è avvenuta con maggiore frequenza nelle fasce di età più giovani, anche in conseguenza della riapertura dei luoghi di aggregazione e all’aumentata mobilità”.

Ora ci aspetta un periodo di transizione molto delicato in cui il senso di responsabilità di ognuno può fare la differenza, ecco perché è necessario lanciare dei messaggi chiari affinchè ognuno di noi adotti tutti gli accorgimenti, come l’uso della mascherina e il rispetto della distanza, per bloccare la diffusione del contagio”.

E poi, una specifica sulla pericolosità dell'essere asintomatici: "Nella maggior parte dei casi registrati in questa fascia d’età si tratta di soggetti asintomatici che, grazie proprio alla giovane età, non subiranno conseguenze per la loro salute. Ma la preoccupazione maggiore – prosegue Coletto - è proprio che, attraverso i giovani, pian piano il contagio si trasferisca agli adulti, alle persone più deboli e agli anziani, quindi genitori, nonni, familiari con malattie croniche, conoscenti e amici immunodepressi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “Attraverso questo spot - conclude l’assessore – si vuole evitare tutto questo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella notte a Terni, commerciante trovato morto nel suo negozio

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • Terni a luci rosse, “lucciole” e trans venduti come schiavi del sesso: ecco l’operazione Doña Claudia

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

  • Addio a Maria Chiara. Mons. Piemontese: "Non esiste un'app "Immuni" per la droga. La felicità è altrove"

  • "Sognava di diventare medico". Gli amici e le istituzioni ricordano Maria Chiara. Oggi l'autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento