rotate-mobile
Notizie dall'Umbria

Sergio Mattarella a Norcia, dalla ricostruzione all'Ucraina: "La pace è messa in pericolo”

Il presidente della Repubblica ha incontrato alcuni abitanti delle Sae: "Bisogna tornare presto alla normalità"

Per la terza volta, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, è stato in visita a Norcia. E' stata questa la sua prima uscita ufficiale del secondo settennato. Un sopralluogo per verificare di persona l'avanzamento dei cantieri della ricostruzione, anche pubblica, e per rinsaldare il legame con la comunità locale, provata da cinque anni di sisma a cui si aggiunge il lungo periodo di restrizioni causa covid. 

Ma il presidente, che ha partecipato alla cerimonia di accensione della fiaccola benedettina della pace, benedetta mercoledì da papa Francesco e accesa dai sindaci di Cassino, Norcia e Subiaco, dopo aver visitato il palazzo del comune e la basilica di San Benedetto, ha voluto rivolgere un pensiero alla crisi ucraina. "La pace è in pericolo - ha detto, intervenendo a cerimonia conclusa dalla postazione allestita in piazza San Benedetto - L'Europa rischia di precipitare in una spirale di guerra, in un vortice di conflitti, dei quali appare impossibile prevedere sviluppo, coinvolgimenti, estensione. Nessuno potrebbe essere certo di restarne del tutto immune". "La pace è in pericolo, per essa, per l'affermazione dei valori di libertà gli italiani devono essere e saranno certamente intransigenti, determinati e uniti" ha aggiunto ancora.

Parlando di ricostruzione, invece, durante l'incontro con alcuni cittadini che vivono nel villaggio prefabbricato di via XX Settembre, ha ribadito che “Bisogna tornare presto alla normalità “. Un'anziana, che attendeva il presidente davanti all'ingresso alla sua casetta, ha espresso a Mattarella un desiderio "Voglio la mia casa, questo le chiedo". Dopo circa un'ora il presidente è ripartito dopo aver completato il tour all'interno del centro storico, iniziato da Porta Romana e concluso a Porta Ascoli. Qui lo attendevano cittadini e commercianti che lo hanno ringraziato per la visita. Lungo la strada bandiere italiane e uno striscione "Viva nonno Sergio". Ad accompagnare Mattarella, il commissario per la ricostruzione Giovanni Legnini, la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e tutte le autorità locali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sergio Mattarella a Norcia, dalla ricostruzione all'Ucraina: "La pace è messa in pericolo”

TerniToday è in caricamento