rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Salute

Rarissimo caso di malattia renale trattato con successo all’ospedale di Terni

Intervento chirurgico robotico su un uomo di 73 anni dopo dieci anni dalla prima diagnosi. Il dottor Alberto Pansadoro: “I vantaggi di questo approccio hanno permesso al paziente una degenza brevissima e anche l’assenza di dolori nel postoperatorio”

Portato a termine con successo all’ospedale di Terni un intervento su un uomo di 73 anni, operato al reparto di urologia del Santa Maria diretto dal dottor Alberto Pansadoro. Si tratta di un caso rarissimo di recidiva di una malattia renale, a distanza di dieci anni, trattato sfruttando al meglio l’integrazione fra le varie eccellenze mediche dell’ospedale. Tutto il percorso del paziente infatti è stato gestito nell’ambito di meeting multidisciplinari, organizzati periodicamente. Questi meeting, differenziati per specialità, coinvolgono i differenti specialisti quali, nel caso in particolare, l’oncologo, l’urologo, il radiologo, il radioterapista e l’anatomopatologo.

Il paziente in questione era infatti seguito dal reparto di oncologia, diretto dal dottor Sergio Bracarda, per una patologia renale per la quale era stato già sottoposto a intervento chirurgico nel 2014. Gli esami di controllo programmati hanno permesso di rilevare un linfonodo ingrandito sospetto adiacente ai vasi iliaci. Il caso pertanto è stato fonte di confronto fra i vari specialisti: il dottor Bracarda, la dottoressa Claudia Caserta di oncologia, il dottor Pansadoro, il radiologo dottor Francesco Mancioli, il radioterapista dottor Fabio Trippa e la dottoressa Simona Francesconi, anatomopatologa. Le valutazioni hanno portato a una decisione collegiale di un intervento chirurgico.

Il paziente è stato sottoposto ad asportazione di un grosso linfonodo iliaco in chirurgia mininvasiva robotica dal dottor Pansadoro e dalla sue equipe, formata dalla dottoressa Carolina Lolli, dal dottor Emanuele Cottini e dal dottor Valerio Cellini.

“Questo approccio mininvasivo - spiega il dottor Pansadoro - ha evitato al paziente un grosso taglio e un intervento molto invasivo per via tradizionale e ha inoltre consentito di arrivare in una zona chirurgica profonda. I vantaggi di questo approccio hanno permesso al paziente una degenza brevissima, visto che è stato dimesso infatti il giorno dopo l’intervento, e anche l’assenza di dolori nel postoperatorio, una convalescenza assai rapida e agevole. Un raro intervento di alta specialità in chirurgia mininvasiva per una patologia rara, risolto in sole 24 ore di ricovero, frutto della collaborazione di diversi specialisti che rappresenta un successo per la sanità ternana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rarissimo caso di malattia renale trattato con successo all’ospedale di Terni

TerniToday è in caricamento