rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Salute

“Cardiochirurgia e fede religiosa, le ragioni dei Testimoni di Geova”: se ne parla a Terni

Un confronto tra procedure mediche, etiche e legali, sabato 16 marzo il convegno presso la sala Maurizio Santoloci

La trasfusione di sangue come presidio terapeutico in chirurgia quale argomento dibattuto e di grande attualità. Di questo si parlerà nel corso del congresso “Cardiochirurgia e fede religiosa, le ragioni dei Testimoni di Geova”, in programma sabato 16 marzo (dalle 9) presso la sala Maurizio Santoloci di Terni.

“Lo scopo del convegno è sia quello di chiarire gli aspetti medico-legali e di sedare conflitti etici interdisciplinari connessi al rifiuto delle trasfusioni di sangue, ma anche quello di un confronto tra le diverse esperienze italiane per ottimizzare la gestione delle procedure di cardiochirurgia e di ridurre al minimo la necessità di emoderivati”, spiega il responsabile scientifico, dottor Valentino Borghetti, direttore della struttura complessa di cardiochirurgia dell’azienda ospedaliera Santa Maria di Terni.

Le complicanze relative alle trasfusioni di sangue in cardiochirurgia sono state sottolineate dalla comunità scientifica internazionale. Per questo motivo, negli ultimi anni, si è assistito a un progressivo miglioramento tecnologico orientato alla riduzione delle perdite ematiche durante le procedure chirurgiche e all’impiego di tecniche alternative che limitino l’utilizzo di emoderivati. Questo atteggiamento consente di estendere le indicazioni all’intervento di cardiochirurgia anche a chi, per questioni di fede religiosa, come il Testimone di Geova, non accetta l’emotrasfusione. Peraltro, l’impossibilità di utilizzare in alcun modo sangue eterologo come presidio terapeutico salvavita, pone chirurghi, anestesisti, personale tecnico e infermieristico di fronte a questioni etiche di difficile soluzione. Viceversa, l’esclusione dei Testimoni di Geova dall’indicazione ad un intervento di cardiochirurgia potenzialmente risolutivo, basato sugli stessi principi morali, ha dei risvolti di carattere medico-legale per iniquità di trattamento terapeutico, aspetto inaccettabile in termini di tutela al diritto alla salute come principio universale.

Il convegno ha quindi lo scopo di chiarire i dubbi derivanti da posizioni contraddittorie, nel rapporto medico-paziente, per identificare un percorso equo, eticamente condiviso e privo di conseguenze personali o collettive quando le necessità biologiche si interfacciano con esigenze umanistiche.

Il congresso, che vale sei crediti formativi, ha il patrocinio del Comune di Terni, Azienda ospedaliera Santa Maria Terni, Usl Umbria 2, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Terni, Comitato di assistenza sanitaria per i Testimoni di Geova Umbria. Per maggiori informazioni e/o iscrizioni: segreteriaconvegniec@gmail.com – 346.5880767.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Cardiochirurgia e fede religiosa, le ragioni dei Testimoni di Geova”: se ne parla a Terni

TerniToday è in caricamento