rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Narni Narni

“Narni. Le vie del cinema”, torna la rassegna del cinema restaurato

L’evento in programma dal primo al 6 agosto al parco Donatelli. I titoli in programma per i più piccoli, via alla collaborazione con la Scuola internazionale di Comics di Roma

Dal primo al 6 agosto 2022 Narni ospiterà la 28esima edizione di “Narni. Le vie del cinema”, la rassegna di cinema restaurato, diretta da Giuliano Montaldo e Alberto Crespi, e organizzata per iniziativa del Comune di Narni con la collaborazione della Fondazione Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale e con la Scuola internazionale di Comics di Roma.

Anche questa edizione proporrà una ricca selezione di film di recente recupero proiettati ogni sera a partire dalle 21 sul grande schermo allestito nel parco pubblico “Bruno Donatelli” di Narni, a ingresso gratuito. “Narni. Le vie del cinema” è ormai il “decano” dei festival dedicati alla memoria del cinema: ha cominciato a proiettare film restaurati ben prima che anche i grandi festival mondiali (Cannes, Berlino, Venezia) aprissero delle sezioni di “classici”.

“Il cinema restaurato - si legge in un comunicato - è arte, scienza, storia, memoria. Anche quest’anno Narni sintetizzerà queste discipline proponendo al pubblico classici del cinema italiano restaurati. È un modo di tener viva la memoria di un’arte, quella cinematografica, che ha fatto dell’Italia un modello per tutte le cinematografie del mondo. In attesa del programma di questa edizione, Le vie del cinema annuncia i titoli della rassegna dedicata ai più piccoli. Come ormai da diversi anni, verrà infatti proposta una rassegna parallela di cartoni animati, ogni sera su grande schermo a partire dalle 21, in un’ala laterale del parco pubblico Donatelli”.

Saranno proiettati, a partire dal 1° agosto: Basil l’investigatopo di Ron Clements, John Musker, David Michener e Burny Mattinson; Fievel sbarca in America di Don Bluth; La strada per Eldorado di Don Paul e Eric Bergeron; Brisby e il segreto di Nimh di Don Bluth; Totò Sapore e la magica storia della pizza di Maurizio Forestieri; A Bug's Life – Megaminimondo di John Lasseter e Andrew Stanton (co-regia).  Le proiezioni saranno precedute da attività di laboratorio, racconti e letture".

“Da quest’anno - fanno sapere gli organizzatori - prende il via la collaborazione tra la Scuola internazionale di Comics di Roma e la rassegna Le Vie del Cinema. La Scuola internazionale di Comics, leader di settore della formazione nelle arti grafiche e visive, propone ogni anno ai suoi allievi e alle sue allieve attività formative che offrano la possibilità di relazionarsi con progetti per committenti esterni. Si tratta per i ragazzi e le ragazze di importanti esperienze di crescita personale e professionale a cui la scuola presta particolare attenzione. Con questo obiettivo è nata l’idea di collaborare con Le Vie del Cinema, un evento che dal 1995 cerca di valorizzare il cinema e sensibilizzare il pubblico alla fruizione di pellicole che hanno fatto la storia del cinema italiano, proposte in versione restaurata”.

“Il coinvolgimento in questo progetto ha riguardato le classi del terzo anno dei corsi di illustrazione e graphic design che, sotto il coordinamento dei docenti responsabili Sandro Mattioli e Franco Marconi, hanno elaborato la strategia di comunicazione della manifestazione. I ragazzi e le ragazze hanno lavorato insieme per realizzare la nuova veste grafica della rassegna, producendo una serie di materiali correlati che serviranno per pubblicizzare l’evento e arricchirne l’impianto visivo. Il risultato finale prevede una serie di illustrazioni originali, dalle rielaborazioni artistiche delle locandine dei 6 film in programma al ritratto dei registi e della regista, che saranno esposte in mostra nel luogo in cui si svolgerà l’evento, e il materiale grafico coordinato, ideato per una comunicazione d’impatto ed efficace. I lavori prodotti dagli studenti e dalle studentesse della Scuola Comics confluiranno inoltre nel catalogo ufficiale di Le Vie del Cinema che viene annualmente proposto per documentare la manifestazione. Si tratta quindi di un’occasione importante per aspiranti designer, artisti e artiste per proporre la propria professionalità, per fare una reale esperienza sul campo e mettere in mostra il proprio talento. I linguaggi espressivi del cinema, del disegno e del design si incontrano per un progetto unico, che ha il merito di investire sulla creatività di giovani professionisti e professioniste, collegando la loro formazione alla storia della grande cinematografia italiana”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Narni. Le vie del cinema”, torna la rassegna del cinema restaurato

TerniToday è in caricamento