NarniToday

Sindaco, assessori e consiglieri preparano la tavola della solidarietà

Il Comune di Narni organizza per domenica al Palavis il primo pranzo dei poveri. Tiberti: sarà un momento di festa e di socialità

Saranno gli amministratori, i consiglieri e i dipendenti a servire a tavola per il primo pranzo dei poveri organizzato dall’amministrazione comunale. A darne l’annuncio è l’assessore ai servizi sociali, Silvia Tiberti, promotrice dell’iniziativa condivisa dalla giunta comunale, e che si svolgerà domenica prossima al Palavis dello scalo.

Il Comune, in collaborazione con l’Avis, gestore della struttura, e con le associazioni del territorio, ha programmato un pranzo al quale potranno partecipare le famiglie e i singoli soggetti che si trovano attualmente in difficoltà economica. A portare in tavola e a contribuire a tutta l’organizzazione saranno i dipendenti di Palazzo del Podestà, insieme al sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali.

Sarà un momento di festa e di socialità - dice Tiberti - che speriamo possa dare conforto a tutte quelle persone che oggi si trovano in difficoltà e in disagio e che con questa iniziativa potranno condividere il pranzo di Natale e passare una giornata diversa e conviviale. Il mio pensiero, oggi dopo aver frequentato per più di un anno l’ambito sociale ed averne vissuto e condiviso le relative problematiche, è rivolto a quelle famiglie e a quelle persone che hanno in questo momento situazioni svantaggiate e che pertanto non riusciranno ad allestire una tavola natalizia ricca e variegata, per sé e per i propri cari come invece avrebbero voluto. Il pranzo - dice ancora l’assessore - sarà un momento di solidarietà, puntando sul senso di appartenenza e di unione della nostra comunità, un’apertura condivisa ed unitaria, un segnale tangibile e positivo per i soggetti più vulnerabili del nostro territorio, con un pensiero rivolto principalmente alle persone in difficoltà perché si possa riaccendere in loro la speranza. Da qui nasce la mia personale volontà di condividere insieme un momento di leggerezza, per far sentire le persone meno sole ed emarginate e soprattutto per offrire loro un Natale diverso e più sereno”.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Comune di Narni nel 2015 ha dato il via al progetto “Dispense solidali” in collaborazione con la cooperativa Babele e poi ancora con il Banco alimentare. Al momento, sono 41 le unità familiari a cui viene garantito un sostegno - pacco alimentare o pasto - per un numero complessivo di 102 utenti, di cui 10 su Otricoli e i restanti su Narni. In particolare, vengono erogati mensilmente 31 pacchi a nuclei familiari (o singoli) e 24 pasti giornalieri, ma date le esigenze in aumento il nuovo bando prevede 30 pasti giornalieri e 40 pacchi mensili. L’aiuto viene fornito sia con i prodotti confezionati distribuiti dal Banco alimentare sia con i prodotti freschi e a scadenza breve raccolti presso le mense pubbliche e private o conferiti dalla piccola, media e grande distribuzione organizzata e/o industrie alimentarie della ristorazione, da ristoranti o esercizi commerciali analoghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento