OrvietoToday

Orvieto, Tribunale del malato sul trasferimento del SerD e Csm: "Sede periferica e disagevole"

A parlare è Gianni Pietro Mencarelli, responsabile cittadino del Tribunale per i diritti del Malato e Cittadinanza Attiva: "Il trasferimento, seppur provvisorio, segue ad anni di instabilità. La sede di Bardano è periferica e disagevole".

Foto: Orvietonews.it

Non si placano le polemiche sul trasferimento provvisorio della sede del Csm e del SerD nella struttura di Bardano stabilito dall'Asl 2 a causa della ristrutturazione dello storico edificio di via Cardinal Giardinetti. 

A parlare è Gianni Pietro Mencarelli, rappresentante cittadino del Tribunale del Malato e Cittadinanza Attiva che evidenzia le criticità percepite dalle famiglie orvietane coinvolte sulla la scelta della Asl: "Prendo atto con rammarico delle novità riguardanti la collocazione della sede del Cms e del SerD, collocazione che dovrebbe essere transitoria.

In verità - spiega Mencarelli - sono quasi due anni che la sede del Csm è “instabile”: prima all’ interno dell’ Ospedale (soluzione antistorica ed equivoca), poi nella vecchia sede del Centro Diurno (angusta e fatiscente) e di recente a Bardano, sede periferica e disagevole per l’ utenza. Da questo tutte le giuste e sentite rimostranze di cittadini, del Tribunale per i Diritti del Malato, di Cittadinanza Attiva nonché la limpida interrogazione del consigliere comunale Franco Barbabella al Sindaco di Orvieto.

Questa reazione allargata da parte di tanti rappresentanti della comunità civile e democratica - spiega Mencarelli - mi conforta come ex operatore e responsabile del Csm  che negli ultimi anni ha dovuto assistere impotente allo scempio che è stato compiuto, non solo ad Orvieto, dei valori per i quali abbiamo lavorato in tanti per costruire una psichiatra di Comunità. E si badi bene: non intendo una psichiatria alternativa o una psichiatria democratica ma l'unica Psichiatria possibile, che lavora con la gente, per la gente e con essa cerca di migliorare l’ assistenza e di trasformare la cultura del territorio nella direzione della solidarietà, dell’ integrazione, della lotta allo stigma e al pregiudizio.

E poi una notizia che ha rallegrato la comunità orvietana: "Proprio in questi giorni si sono uniti in matrimonio due ospiti di due gruppi appartamento di Orvieto; un uomo e una donna stati strappati alla logica manicomiale, repressiva e disintegrativa, sono stati, per quanto possibile, integrati nella comunità orvietana. Sono diventati sposi nella festa e nell’ accoglienza della comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualcuno - osserva Mencarelli - si è battuto per loro e con loro perché si raggiungesse questo traguardo: gli operatori e la comunità stessa. Allora - conclude - mi chiedo perché non continuare a lottare per quei valori dei quali abbiamo bisogno tutti per ritrovare il senso di essere operatori, cittadini, vivi? Vediamo come possiamo organizzarci. Noi siamo a disposizione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Risse per le strade di Terni e assembramenti in centro. Con il dpcm non cambia la musica

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

  • Arriva il dpcm di Conte, ma è scontro con le regioni. La Tesei pensa a un'ordinanza restrittiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento