Terni sicura, ecco i dati: 9 furti ogni 24 ore e sparisce una macchina al giorno, ma nessuno denuncia i “cravattari”

La situazione fotografata dal dipartimento di giurisprudenza dell’Università di Perugia. Indagini più efficaci in città che nel resto d’Italia: l’autore dei crimini viene scovato una volta su cinque

“Criminalità e sicurezza in Umbria attraverso l’analisi delle fonti ufficiali” è il rapporto di ricerca a cura di Stefano Anastasìa e Lorenzo Fanoli del dipartimento di giurisprudenza dell’Università degli studi di Perugia che la giunta regionale dell’Umbria ha utilizzato per elaborare una serie di strategie volte all’incremento della sicurezza nelle città della regione.

Il documento scandaglia la situazione del territorio regionale analizzando una serie di dati che, seppure riferiti al 2017 e aggiornati al 2018, restituiscono comunque un quadro della situazione e, soprattutto, fanno vedere da una parte l’evoluzione della criminalità nel cuore verde d’Italia e illustrano il lavoro che viene svolto ogni giorno dalle forze dell’ordine.  

Uno dei primi elementi evidenziati è proprio questo: “In Umbria – spiega la ricerca - le percentuali di delitti in cui viene identificato l’autore sono significativamente superiori rispetto al totale nazionale per quanto riguarda i sequestri di persona (69,1% contro il 58,1%), le rapine (37,5% contro il 24,7%), il riciclaggio (75% contro il 65%), l’usura (64,8% contro il 48,1%)”.

In questo quadro di “eccellenza”, il lavoro delle forze dell’ordine a Terni si distingue ancora di più. Infatti, se nel 2010 il presunto autore è stato individuato nel 16,2 dei casi, questa percentuale è cresciuta fino al 22,3 per cento nel 2017: un risultato che è migliore di quanto fatto nella provincia di Perugia (22,1%) in media in Umbria (22,2) e nel resto d’Italia (19,4%).

I numeri del crimine

Per quanto riguarda i furti, il dato complessivo è di 3.304 denunce (11.424 nel Perugino) ossia circa 9 furti ogni ora, pur a fronte di una riduzione del 20% rispetto al dato rilevato nel 2010, quando erano 4.129 i furti totali. Rispetto al numero complessivo, 34 sono stati gli scippi, 276 i furti con destrezza, 846 i furti in abitazione e 251 nei negozi. Le auto rubate sono state 361 – circa una ogni giorno - mentre fra moto e motorini, i furti di due ruote sono stati 46. Le persone denunciate per furto nel Ternano sono state 371, ossia il 14% rispetto al totale delle denunce di reato.

grafico reati-2Le rapine, complessivamente, sono state 34: 8 in casa, 2 in banca, 2 negli uffici postali e 4 nei negozi. Quattordici quelle consumate in strada.

Notevole il numero di reati “informatici” con 651 denunce fra truffe e frodi. Un vero e proprio “boom” che ha portato ad un incremento per questo genere di reato del 111,7%. Nessuno, a dispetto delle statistiche che danno Terni come una tra le città più esposte in Italia alla morsa dei “cravattari”, ha presentato denuncia per usura. Sono state 164 le denunce per reati connessi alle sostanze stupefacenti, 1.141 quelle per danneggiamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento