Strade pericolose, dopo Montoro e Baschi c’è un altro viadotto da mettere in sicurezza

Alviano, via ai lavori sulla Sp 11 finanziati dalla Provincia di Terni: interventi per 350mila euro per rinforzare un pilone e rifare l’asfalto del ponte. Cantiere fino ad ottobre, ma il traffico non sarà mai interrotto

Un altro viadotto da mettere in sicurezza. Dopo Montoro (raccordo Terni-Orte) e Baschi (il ponte sul lago di Corbara tra Orvieto e Todi) stavolta tocca ad un tratto della strada provinciale 11 ad Alviano, dove sono iniziati i lavori di consolidamento.

La ditta incaricata tramite gara dall’amministrazione provinciale di Terni ha aperto il cantiere nei giorni scorsi per l’esecuzione di opere finanziate con 350mila euro. I lavori riguardano sia la struttura che il piano carrabile, lungo 300 metri. Gli attuali interventi stanno interessando il pilone di appoggio posto sull’alveo del Tevere, successivamente riguarderanno le palificazioni e il basamento che sarà rafforzato con nuovo calcestruzzo. Prevista anche la riqualificazione dell’asfalto sulle carreggiate.

Attualmente, essendo in esecuzione i lavori in alveo, il traffico scorre regolarmente a doppio senso di circolazione ma successivamente verrà istituito il senso unico alternato. Il transito dei veicoli non verrà comunque mai interrotto. Il cantiere sarà aperto fino a ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Umbria zona gialla: nuove misure in arrivo per allentare le restrizioni

  • Terni sotto shock, è morto l’avvocato Massimo Proietti. Il cordoglio delle istituzioni e l'annuncio dei funerali

  • Apre i battenti “Nena, officina creativa”: “Così la mia vita ricomincia a cinquant’anni”

  • Capodanno all'Ast, i nomi delle "star" che si esibiranno a viale Brin. Attesa per il dpcm e l' "incognita pubblico"

  • Coronavirus, a Terni il "primato" regionale per ricoveri anche in intensiva. I dettagli

  • Coronavirus e scuola, l’annuncio della presidente Tesei: gli studenti della prima media tornano in classe

Torna su
TerniToday è in caricamento