Acquasparta, tragico gioco sulla strada: muore 17enne

Stava filmando un amico con lo scooter ed è stato travolto, inutili i soccorsi

Un gioco finito male quello che degli amici di Acquasparta stavano facendo questa notte, sulla 'variante nuova', che collega il centro abitato alla strada statale Tiberina. Un gioco che ha portato Roberto Albanucci, 17enne del posto, a perdere la vita in un incidente stradale che ha visto coinvolto uno scooter Phantom Malaguti. 

Sul posto si sono portati i militari del comando stazione di Acquasparta e del Nucleo operatvo radiomobile di Terni, i vigili del fuoco e gli operatori della croce rossa di Avigliano Umbro che non hanno potuto fare altre che constatare la morte del ragazzo.

La ricostruzione

Probabilmente l'obiettivo dei ragazzi era filmare lo scooter sfrecciare lungo la variante da più vicino possibile. Roberto Albanucci, infatti è stato trovato disteso a terra, con lo smartphone ancora in mano, ma con delle lesioni che non gli hanno lasciato scampo. Pare che il motorino lo abbia urtato in diversi punti vitali come il collo e la testa. Le ferite erano troppo gravi, la Croce rossa ha solo potuto constatarne la morte. Ferito in modo lieve anche il ragazzo di 16 anni in sella al motorino, che dopo aver urtato l'amico è caduto. Ora il giovane è sotto shock e non sa ancora che l'amico è morto. Gli specialisti sono all'opera per capire come comunicargli la notizia.

 I due - secondo quanto accertato finora - sono giunti insieme sul luogo dell'incidente in scooter. Il diciassettenne sarebbe quindi sceso, si sarebbe sdraiato e avrebbe realizzato il video del passaggio su un rettilineo, venendo però travolto. Con i due ragazzi c'era anche un a combriccola di amici che avrebbero confermato la ricostruzione, essendo a conoscenza del 'gioco' ideato dal gruppo.

I rilievi

I rilievi sono andati avanti fino a questa mattina a causa della poca luminosità della strada. La 'variante nuova', infatti, è totalmente buia e l'eclissi di questa notte ha fatto sì che anche il chiarore lunare fosse oscurato. I Carabinieri hanno posto sotto sequestro il cellulare che sarà analizzato per capire meglio come sono andati i fatti. Lo smartphone sarà consegnato al sostituto procuratore della Repubblica dei minorenni titolare del fascicolo, Flaminio Monteleone, per una perizia. Non è, infatti, sicuro che vi sia il video girato prima dell'incidente. La dinamica è ancora al vaglio, ma le riprese potrebbero confermare la ricotruzione che è stata fatta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento