Delitto Bellini, il processo è da rifare: si va verso lo sconto di pena

Sentenza della Cassazione: niente futili motivi né occultamento di cadavere, il fascicolo si divide. Possibile una condanna più lieve per Andriy Halan

La Corte di cassazione

Stralciate dalla sentenza che valeva trent’anni di carcere per Andriy Halan le aggravanti dei futili motivi e dell’occultamento di cadavere per l’omicidio di Sandro Bellini, il 53enne ternano ucciso a maggio 2016 con numerosi colpi alla testa e il cui corpo venne rinvenuto giorni dopo nelle acque del Velino a Marmore.

francesco mattiangeli-2La decisione è stata presa oggi, giovedì 18 aprile, dalla Corte di Cassazione a sezioni riunite che ha così accolto la tesi degli avvocati del 47enne ucraino, Francesco Mattiangeli e Luca Maori.

In sostanza, la suprema corte ha rilevato vizi tecnici nella sentenza di condanna, stabilendo il rinvio del fascicolo a Firenze per formulare una nuova pena e a Terni affinché venga istruito un nuovo processo relativamente all’occultamento del cadavere.

Soddisfazione” viene espressa dall’avvocato Mattiangeli non solo perché Halan otterrà in questo modo un “più che sensibile sconto di pena” (da 30 ai probabili 20 anni) ma perché la sentenza “rappresenta un precedente importante” tanto da fare “giurisprudenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • La storia | "I miei inquilini sono morosi da mesi. Sto pagando tutto io". Lo sfogo di una cittadina di Terni

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento