Terni dice addio alla sua “storia”: alle 14.30 i funerali di Pompeo De Angelis

La cerimonia in Cattedrale. Il ricordo dell’Istess: è stata una delle figure di riferimento della cultura ternana e nazionale. Il vicesindaco Giuli: sarebbe un peccato disperdere o dimenticare il suo lavoro

I funerali di Pompeo De Angelis si terranno questo pomeriggio, alle 14.30, nella Cattedrale di Terni.

Scrittore, storico, giornalista, autore e regista televisivo, De Angelis è morto sabato all’età di 85 anni, dopo una lunga malattia. Un gigante della cultura, specialmente quella locale, è stato uno degli autori di riferimento per la storia della città. Giornalista, autore, sceneggiatore e regista di cinema, teatro, televisione, ha passato la sua vita professionale a Roma, dove poco più che ventenne, iniziò a dirigere “Impegno Giovanile”, organo nazionale del Movimento giovanile della DC. Programmista per trent’anni alla Rai, ha concluso l’esperienza aziendale come Direttore editoriale della ERI per poi tornare a Terni che, grazie a lui, ha avuto la possibilità di essere raccontata come mai prima. Nel 2005 ha avviato una serie di incontri presso la biblioteca del Circolo Lavoratori Terni da cui è poi nata la monumentale “Storia di Terni”, opera in 7 volumi imprescindibile per chiunque voglia conoscere la città, dalle origini agli anni ‘50.

“Popolarmente si diceva o si credeva che Terni fosse nata con l’Acciaieria - diceva l’autore nel 2017 - A chi chiedeva chi vivesse in quel territorio prima della fatidica data, l’opinione locale rispondeva: ‘Prima Terni era un borgo rurale’. E poteva apparire così, perché la storia della “magnifica” Terni dell’Angeloni non era divulgata sufficientemente, perché le opere di Rossi Passavanti e di Pozzi vennero trascurate e immesse nella parentesi del regime fascista. Mi rimaneva la crisi di una città che ignorava il passato, salvo barlumi di storia a spezzoni e a monografie sparpagliate”.

Suo il merito di essere stato tra i primi, e probabilmente il più significativo narratore della nostra storia, della nostra identità, e non solo per gli appassionati o per gli studiosi. Rimangono nella memoria i “Libretti di Pompeo”, una serie di opuscoli diffusi nelle scuole a metà degli anni Novanta, così come non possono non far parte delle biblioteche dei ternani i suoi volumi, in cui ha raccolto le testimonianze e i documenti che hanno fatto la storia e la cultura di Terni: per l’Istess, oltre alla Storia di Terni ha pubblicato Terni di Miselli (2000), Terni di Tizzani (2002), Terni di Barnaba Manassei (2007), Francesco Angeloni nella cultura del Seicento (Atti del Convegno, Terni 22 novembre 2006, a cura di P. De Angelis).  Dal 2003, era anche Direttore di “Indagini”, la rivista trimestrale del CESTRES.  Socio del Centro di Studi Storici, ha collaborato con questo istituto per i libri riguardanti la figura di Luigi Nobili (2003) e di Ottavio Coletti (2010) e con i saggi su “Memoria Storica”.

I ricordi

L’Istess

“Con Pompeo De Angelis, l’Istess perde un caro amico e uno dei protagonisti della sua storia degli ultimi vent’anni. È stata una delle figure di riferimento della cultura ternana e nazionale. Attivo in politica, è stato militante della Democrazia cristiana ma anche guerrigliero in America Latina. Entrato in Rai come autore e regista, ha realizzato decine di programmi televisivi prima di diventare direttore della Eri. È stato, tra le altre cose, sceneggiatore del film Corri uomo corri di Stefano Sollima e autore della copertina del celebre album Questo piccolo grande amore di Claudio Baglioni. Nel 1980 è tornato a Terni diventando uno dei principali animatori della vita culturale della città e il principale artefice della riscoperta dell’identità storica e culturale, per troppo tempo appiattita su quella industriale. Dopo aver curato, nel 1996, la collana Itinerari didattici dell’assessorato alla pubblica istruzione del Comune di Terni, nel 1999 è entrato nell’Istess come responsabile della sezione storica. Dal 2006 al 2017 ha pubblicato una monumentale Storia di Terni in sette volumi, che racconta le vicissitudini della città dalla preistoria agli anni ’50. Ha curato poi una serie di monografie che hanno permesso di riscoprire i ternani più illustri: da Virgilio Alterocca a Orazio Nucula, da Barnaba Manassei a Francesco Angeloni, fino a san Valentino, ma nei suoi libri ha raccontato anche la Resistenza cattolica e la storia delle acciaierie. Nel 2005 è stato tra i fondatori di Popoli e Religioni – Terni Film Festival e l’anno successivo ideatore di un grande convegno su Acciaio, il film ambientato nelle acciaierie di Terni e scritto da Luigi Pirandello. Il suo ultimo libro, in uscita in questi giorni, è dedicato al canale di Suez, ma aveva già completato un altro volume dedicato ad una figura della famiglia Bonaparte soprannominata la “Napoleona”. La malattia gli ha invece impedito di completare un nuovo lavoro dedicato all’occupazione dell’Algeria raccontata attraverso un’ottica molto particolare, e che avrebbe voluto chiamare “Algeriade”. Poche settimane prima di morire ha espresso la volontà di costituire una Fondazione, con cui promuovere iniziative culturali e a cui affidare la sua sterminata biblioteca.

Andrea Giuli, vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Terni

“Al di là di ogni ufficialità, a nome dell'amministrazione comunale esprimo profondo rammarico, dispiacere e costernazione per la scomparsa di Pompeo De Angelis, storico, scrittore, intellettuale, memoria storica della città di Terni, organizzatore culturale. Stava male da tempo e sapevamo delle sue condizioni di salute sempre più critiche. Lascia un enorme archivio di libri e documenti, frutto di una vita di passione e impegno che sarebbe un peccato disperdere o dimenticare. Arrivederci professò (così lo chiamavo nelle rare volte che lo ho incontrato)”.

Il presidente del Cesvol, Lorenzo Gianfelice

“Ho ricevuto solo ora la notizia della scomparsa di Pompeo De Angelis. Terni perde con lui una parte importantissima della propria memoria. Voglio ricordarlo con questa foto che lo ritrae qualche anno fa alla cerimonia di consegna del Premio Nicola Marrone per il Sociale. Giornalista, autore, storico e presidente della sezione ternana dell‘Associazione nazionale partigiani cristiani d’Italia, ricordo la sua lucidità e il suo impegno, anche nei momenti in cui la salute non gli avrebbe permesso di partecipare, per tenere vivo il ricordo e i valori in cui credeva. Con lui abbiamo avuto la fortuna di approfondire gli anni della Resistenza e del primo dopoguerra e parlare di personaggi come Tina Anselmi. Ciao Pompeo, è stato un onore”.

Potrebbe interessarti

  • Aceto, ecco quello che non sapete sul suo utilizzo in casa

  • Come cuocere i cibi in lavastoviglie, all'insegna del risparmio energetico e della salute

  • Spuntino pre allenamento, cosa è bene mangiare e cosa no

  • Depressione, come riconoscere e curare la malattia del secolo

I più letti della settimana

  • Comune di Terni, 126 assunzioni a tempo indeterminato: i profili ricercati

  • Incidente mortale sul raccordo autostradale Terni-Orte

  • Apre un nuovo locale nella movida ternana: domani l'inaugurazione

  • Paura in corso Tacito, si sollevano i lastroni della via

  • Incidente stradale sulla Flaminia, quattro persone in ospedale

  • Incidente stradale, muore giovane narnese dopo tragico schianto

Torna su
TerniToday è in caricamento