Vendono alcolici a minorenni, multa a due locali del centro

I carabinieri sorprendono un 16enne e un 17enne con alcolici in mano e sanzionano i titolari che glieli hanno venduti senza chiedere i documenti. Controlli in tutta la movida ternana

Multe a due locali della movida ternana che vendevano alcoolici a minori. In azione i carabinieri che hanno ulteriormente aumentato i controlli specie in questi gironi di festa. Stante il vigente divieto di vendere per asporto o somministrare sostanze alcoliche ai minori ai quali, per altro, è vietato il consumo o la detenzione di bevande alcoliche all'interno di attività commerciali, luoghi pubblici o aperti al pubblico, i militari della sezione operativa della Compagnia carabinieri di Terni hanno eseguito numerose ispezioni agli esercizi maggiormente frequentati dai giovani ternani. In particolare, l’attenzione è stata concentrata sui locali del centro cittadino, bar e mini market, abituali punti di ritrovo anche di giovanissimi che li frequentano per festeggiamenti di vario genere, specie nel fine settimana e soprattutto il sabato sera.

Durante i controlli i militari operanti hanno verificato che fra i vari ragazzi che si trovavano all’interno e all’esterno di due di tali esercizi presso i quali avevano appena acquistato bibite alcoliche alcuni, che già all’apparenza sembravano minorenni, avevano effettivamente, “documenti alla mano”, un’età compresa tra i 16 e i 17 anni.

Sulla scorta di tale conferma i carabinieri hanno proceduto a contestare ai legali rappresentanti delle attività commerciali in questione la vendita di alcolici a minorenni, redigendo appositi verbali. Prevista una sanzione pecuniaria fino ad un massimo di 1.000 euto, che in caso di recidiva possono essere raddoppiati e accompagnati dalla sospensione dell’attività per tre mesi.

Le bevande alcooliche illegalmente vendute ai giovanissimi sono state sequestrate e i minori in questione sono stati riaffidati ai relativi genitori che erano all’oscuro del consumo di alcolici da parte dei figli.

I controlli dell’Arma volti a prevenire e reprimere la vendita e la somministrazione di alcolici a minorenni, fenomeno preoccupante nell’ambito del quale si registra talvolta la pericolosa abitudine di alcuni giovanissimi di fare rifornimento di “bevande spiritose” varie soprattutto nei minimarket approfittando della “negligenza” di alcuni venditori nel verificare l’età degli acquirenti, hanno lo scopo primario, oltre al doveroso compito di fare rispettare le leggi, di salvaguardare le “giovani leve” e le loro famiglie da un precoce e dannoso, oltre che illegale, consumo di alcool.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Da San Gemini alla Siberia, la storia d’amore e l’annuncio di Lorenzo Barone: “Mi sposo con Aygul”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

  • FOTO | Controlli a tappeto fra Terni e Narni. Posti di blocco al confine con la città

Torna su
TerniToday è in caricamento