Acciai Speciali Terni, tracciamento dei contatti anti-Covid. Botta e risposta tra sindacati ed azienda

La denuncia delle segreterie territoriali e la replica della direzione aziendale del sito industriale

foto di repertorio

Un comunicato congiunto, ratificato dalle segreterie territoriali di Ast. Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl, Usb unitamente alla Rsu denunciano: “L’unilateralità con la quale la direzione aziendale sta continuando la consegna dei tag per il tracciamento dei contatti tra i lavoratori”. Secondo i firmatari infatti: “La sicurezza e la privacy sono temi fondamentali che devono essere necessariamente condivisi mediante approfondimenti i quali, per la loro complessità, necessitano di tempi medio lunghi”.

Le organizzazioni territoriali aggiungono che: “Ast ha avuto inspiegabilmente fretta, determinando una forzatura la quale sta disorientando i dipendenti. Condanniamo – aggiungono – il comportamento nei confronti delle ditte terze. Si sta imponendo l’utilizzo del dispositivo anche a loro, senza adeguata formazione e informazione”

“Il caso di positività riscontrato nei giorni scorsi – affermano – è stato gestito dall’azienda sanitaria locale. Ad oggi non ci risultano protocolli stipulati tra Usl e direzione aziendale. Per questo motivo il tag risulterebbe inefficace. Chiediamo pertanto che si utilizzi il tempo necessario per verificare la legittimità e l’utilità di tale dispositivo. Da parte nostra – chiosano –stiamo attivando tutti gli organi competenti per garantire la massima tutela dei lavoratori”.

AST: “Posizione incomprensibile delle organizzazioni sindacali”

La direzione aziendale, a seguito della nota diramata dalle organizzazioni sindacali replica: “Dall’inizio della pandemia AST ha deciso di impegnarsi con determinazione nel contrasto al virus a tutela della salute di tutti i lavoratori, in assoluta continuità con questa scelta, l’Azienda introdurrà a breve uno strumento particolarmente innovativo: un Tag in grado di segnalare, a tutti i dipendenti che lo indosseranno, se si è stati vicini a possibili soggetti positivi all’interno dello stabilimento. Un’informazione utile per avviare tutti i controlli necessari, a tutela della propria salute, delle rispettive famiglie e dei colleghi, con totale rispetto della privacy”.

“Risulta pertanto incomprensibile il comunicato emesso oggi dalle organizzazioni sindacali, nel quale si “accusa” l’Azienda di “avere inspiegabilmente fretta” nel mettere a disposizione di tutti i dipendenti questo strumento: pensato e realizzato con l’unico scopo di proteggere la salute dei lavoratori. Una posizione incomprensibile sia nella sostanza che nella forma – concludono da Acciai Speciali Terni - poiché le organizzazioni sindacali sono a conoscenza da tempo dell’iniziativa - infatti AST, già nello scorso mese di giugno, ha comunicato alla RSU la volontà di introdurre questo strumento, e a partire dal 18 Agosto si sono svolti diversi incontri dedicati a questo tema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tornerà in "zona arancione". Domani l'ordinanza che farà retrocedere l'Umbria

  • Lutto a Terni, è scomparso Mauro Moretti noto ristoratore di una storica attività del territorio

  • Esce dall'auto e poco dopo si accascia a terra e muore. Un sabato pomeriggio drammatico a Ferentillo

  • La profumeria ecobio e l’idea creativa di un’imprenditrice ternana: “Ispirata da una filosofia di vita”

  • Terapie intensive, ricoveri ordinari e indice Rt: ecco perché l’Umbria rischia il “cartellino” arancione

  • Tragedia ad Arrone, muore una giovane mamma: “Siamo tutti sotto choc, increduli e scossi”

Torna su
TerniToday è in caricamento