menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monete che valgono "oro" per i pensionati

Monete che valgono "oro" per i pensionati

Pensioni d'oro, ecco quante e dove sono a Terni

Il Governo ha annunciato il taglio delle rendite superiori ai 4.500 euro, in 274 quelli interessati nella Conca per un risparmio di oltre un milione e mezzo. La mappa e gli importi nei Comuni della provincia

Capelli grigi e tasche d'oro. E' di oltre un milione e mezzo di euro il "prelievo", o se volete il risparmio, che il Governo Lega-M5S farà in provincia di Terni dopo la presentazione della manovra finanziara e l'annunciato taglio alle pensioni cosiddette d'oro, ovvero superiori ai 4.500 euro, dal quale Di Maio e Salvini contano di recuperare un miliardo in tre anni. 

Il dato della Conca, secondo le elaborazioni de Il Sole 24 ore in base alle statistiche dell'Inps, incide per lo 0,33% sul totale delle pensioni erogato, in percentuale superiore anche alla provincia di Perugia con lo 0,27% che frutterà però un risparmio di 3.386.385 euro. Il numero delle pensioni d'oro è maggiormente concentrato in provincia di Milano, 1,61% con un risparmio di oltre 87 milioni di euro, mentre il dato più basso a Vibo Valentia, 0,002% con appena 53mila euro da recuperare. Complessivamente, stima il quotidiano economico, il risparmio dovrebbe essere intorno ai 502 milioni di euro.

Quanti sono i pensionati d'oro?

Ma andando poi a spulciare la banca dati dell'Inps emergono altri dati e curiosità. In totale in provincia di Terni sono 274 i pensionati d'oro di cui la maggior parte, 266, incassano mensilmente una rendita per vecchiaia. L'importo medio dell'assegno è di 5.780,45 euro superiore a quello che ricevono dall'Inps i "cugini" di Perugia dove le pensioni superiori ai 4.500 euro sono 613 con un importo medio di 5.754,46 euro.

La maggior parte delle pensioni d'oro si trovano a Terni città (158) con un importo medio di 5.637,20 euro che tuttavia non è il più alto della provincia. Stanno meglio i 20 pensionati di Narni che ricevono mediamente 5.892,65 euro o i 26 di Orvieto ai quali ne vengono pagati 6.245,12 euro. Tuttavia è nei piccoli paesi della provincia che vivono i "paperoni" della pensione. Il top della classifica a Guardea con il fortunato lavoratore che ha maturato una pensione da 8.633,83 euro, seguito dal pensionato di Otricoli 7.384,94 e quello di Lugnano in Teverina con 7.380,82 euro.

Quelli dal portafoglio normale

Tuttavia i pensionati d'oro in provincia di Terni rappresentano una vera nicchia rispetto all'esercito di coloro che ricevono un assegno mediamente un assegno dignitoso ma normale. Nel 2018 le pensioni erogate dall'Inps sono state complessivamente 82.339 per un importo medio di 876.15 euro anche in questo caso superiore a quello della provincia di Perugia, 793.26 euro, dove vengono pagate 227.068 persone. Si tratta perlopiù di pensioni di vecchiaia, 38.122 per una media di 1.234 euro, seguono quelli per invalidità (16.118 per 717,45 euro di media), gli invalidi civili (15.980 per 443,35 euro) e gli assegni sociali (3.541 per un pagamento medio di 410 euro).

A Terni città le pensioni pagate dall'Inps sono 38.076 per una media di 945,06 euro che sale a 1359,99 euro per le 17.394 pensioni di vecchiaia, dato questo sì più alto tra i Comuni della provincia anche se non possono lamentarsi i pensionati (per vecchiaia) di Montefranco (1.339,58 euro), Attigliano (1.288,94), Ferentillo (1.231,41) e Giove (1.215,96).  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Muore la padrona e restano "orfani". Due gatti cercano famiglia a Terni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TerniToday è in caricamento