Reddito di cittadinanza, a Terni un sostegno (solo) per sette disoccupati su cento

I conti di Ires-Cgil: assegno medio da 494 euro (più alto di Perugia) riconosciuto a oltre 2.500 nuclei famigliari. Bravi: impatto molto limitato, c’è bisogno di perfezionare questo strumento

Poco più del 7 per cento di chi – nella fascia d’età tra 15 e 64 anni – nel 2018 a Terni era senza lavoro e non ha presentato una dichiarazione dei redditi, riceve l’assegno per il reddito di cittadinanza. A fare i conti in tasca allo strumento di sostegno è la Cgil attraverso il suo centro studi Ires e il patronato Inca. “È evidente - ha osservato Mario Bravi, presidente dell’Ires Cgil Umbria - che l’impatto dello strumento per la nostra regione è molto limitato”.

Il reddito di cittadinanza (dati Inps) è stato concesso in Umbria a 8.888 nuclei, per un totale di 21.450 persone. L’assegno medio mensile erogato corrisponde a 488,20 euro. Nelle due province la situazione è la seguente: nel Perugino lo strumento tocca 6.235 nuclei per un complesso di 15.751 persone, con un assegno medio erogato pari a 485, 80 euro. Nel Ternano, i nuclei interessati sono 2.563 (per un complesso di 5.699 persone” e l’assegno medio erogato è di 494,08 euro.

L’analisi ha riguardato anche le pensioni di cittadinanza. In provincia di Perugia sono state erogate a 938 nuclei, per un totale di 1.085 persone, con un importo medio pari a 221,42 euro. Per quanto riguarda invece la Provincia di Terni, le pensioni erogate riguardano 351 nuclei per un complesso di 419 persone e con un importo medio mensile di 206 euro.

Ires ha poi elaborato – per tutti i comuni umbri – il dato che si riferisce al totale delle richieste accolte, avendo come riferimento i disoccupati tra i 15 e i 64 anni che non hanno presentato la dichiarazione dei redditi. La media nazionale di tale indicatore è pari 6,02%, a Terni questa cifra si attesta al 7,03% ed è il dato più alto della provincia. Quello più basso appartiene ad Avigliano (1,511%).

A livello regionale, si va dall’8,5% di Valtopina, ad appena l’1% di Lisciano Niccone. Tra i comuni con il dato più alto e sopra la media nazionale – oltre a Terni - si trovano oltre a Valtopina, Preci, Fossato di Vico, Nocera Umbra e Foligno. Perugia si attesta al 5,7%. “Questi dati dimostrano che c’è bisogno di rivedere e perfezionare lo strumento - ha aggiunto Bravi - sia nell’ottica di una risposta alla grande questione della povertà, che in Umbria è in costante aumento, sia a quella del lavoro”.

Discorso simile anche per un altro provvedimento molto atteso: quota 100. “In Umbria - ha spiegato Anna Rita Manuali, coordinatrice dell’Inca Cgil regionale - le domande presentate al 6 settembre 2019 sono state 2.520, di cui 1.954 in provincia di Perugia e 566 in quella di Terni. Ma la previsione iniziale era molto più alta: oltre 4.000 domande a livello regionale. Tra l’altro, si conferma la forte penalizzazione per le donne, visto che solo il 25% delle domande presentate riguarda le lavoratrici”. Ergo, secondo l’Inca e la Cgil, il provvedimento va rivisto, introducendo maggiore flessibilità e tenendo in considerazione il lavoro femminile e i lavori gravosi e discontinui che rendono molto difficile il raggiungimento della contribuzione necessaria (42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tuttavia - ha precisato Manuali - non vorremmo che si butti via il bambino con l’acqua sporca, infatti, sulla base di quota 100 sono stati già sottoscritti accordi tra aziende e lavoratori per la fuoriuscita anticipata, appoggiandosi alla Naspi. Una eventuale cancellazione del provvedimento tout court produrrebbe quindi un nuovo caso esodati, cosa che va assolutamente evitata”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: “Siamo a Terni e non in qualche paese lontano da noi”. La foto scattata all’ospedale fa il giro del web

  • La protesta a Terni contro le restrizioni del Dpcm. Il corteo da piazza Tacito a Palazzo Spada: "Libertà"

  • Coronavirus, prove tecniche di un nuovo lockdown. E a Terni tornano le file ai supermercati

  • Nuova ordinanza restrittiva: “Chiusura domenicale dei centri commerciali e attività di vendita. Limitazioni per cerimonie e stop allo sport”

  • Coronavirus, sospese le lezioni per un’altra scuola di Terni tranne per una classe: “Una mattinata particolare”

  • "Indossate la mascherina str..zi”: delirio e risate a Radio Deejay. Lo spot in ternano di Francesco Lancia in soccorso del Governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TerniToday è in caricamento