rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Notizie dall'Umbria

Innamorarsi dell'Umbria. La storia di Ed e Deleta i due americani che hanno scelto un borgo come seconda casa

Da venerdì scorso i giardini pubblici di Paciano si sono arricchiti di una nuova panchina, donata dalla famiglia McMullin per ricordare Ed, scomparso un anno fa

Capita di frequente che i piccoli paesi dell’Umbria possano entrare nel cuore, e di conseguenza nell’anima, dei visitatori stranieri. Accade dunque che viaggi brevi si trasformino in una svolta per la vita, in una pace ritrovata, in una seconda casa. A Paciano, uno dei borghi più belli d’Italia, è successo all’incirca una quindicina d’anni fa quando Ed e Deleta McMullin scoprirono questo magico luogo. 

Insieme a loro, sorelle, figli, nipoti, amici che venivano a trovarli, si innamoravano a loro volta della cucina, dell'architettura, della storia e della vita quotidiana di Paciano. Del luogo i due amavano anche la vendemmia, l’assaggio dell’olio nuovo, le cene a casa, il cappuccino al bar, gli amici ed il lento scorrere delle giornate.

Ed era noto a tutti come il Babbo Natale del paese, sempre pronto a fare una foto, un gioco o una magia per i bambini. Nell'ottobre 2014 portò addirittura la sua divisa da Babbo Natale e organizzò un pomeriggio speciale per i più piccoli. Un anno fa, Ed è scomparso, ma la sua famiglia non lo ha dimenticato e ha voluto omaggiare Paciano con una panchina dedicata al suo amore per il paese e da venerdì scorso i giardini pubblici del piccolo borgo si sono arricchiti del sentimentale arredo. 

Per l'occasione, sono arrivati dagli Stati Uniti una ventina di parenti e amici, tra cui la moglie, i sei figli e le cognate. Il sindaco Riccardo Bardelli ha ringraziato la famiglia McMullin per il gesto: “Sono certo - ha sottolineato il primo cittadino - che questa panchina e questa targa aiuteranno a tenere vivo questo speciale legame con Paciano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Innamorarsi dell'Umbria. La storia di Ed e Deleta i due americani che hanno scelto un borgo come seconda casa

TerniToday è in caricamento