rotate-mobile
Notizie dall'Umbria

“Aiuto, i miei bambini sono rimasti sul treno”. Lieto fine per l'intervento lampo della polizia ferroviaria

I bimbi sono stati raggiunti da due agenti, fatti scendere alla prima stazione e riportati alla madre a Fontivegge

La porte del treno che si chiudono, una mamma che urla disperata perché i suoi figli sono da soli sul convoglio appena partito alla volta di Firenze dalla stazione ferroviaria di Fontivegge.

Sul treno, però, ci sono degli agenti della Polfer, la cui attenzione è richiamata da alcune persone battendo i pugni sui finestrini del treno urlando “i bambini…i bambini” e indicando le carrozze in testa al treno, mentre quest’ultimo si allontana dalla stazione ferroviaria di Perugia Fontivegge.

I  due agenti hanno attraversato le tre carrozze che li separavano dalla testa del treno, trovando due bambini che, da soli, piangevano spaventati e chiamavano la mamma.

I due poliziotti hanno provveduto a tranquillizzare i due piccoli e una volta passato lo spavento a farsi raccontare che la mamma, durante la fase di ingresso nel vagone, subito dopo aver fatto salire i suoi due bimbi, mentre stava prendendo le proprie valigie, si era vista chiudere di scatto la porta del vagone e, subito dopo, il treno ripartire.

Gli agenti si sono fatti raggiungere da una pattuglia della Polfer presso la stazione di Perugia-Università e poi hanno riportato i due bambini a Fontivegge, consegnandoli alla madre che attendeva negli uffici del posto di polizia ferroviaria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Aiuto, i miei bambini sono rimasti sul treno”. Lieto fine per l'intervento lampo della polizia ferroviaria

TerniToday è in caricamento